Teleischia
Sport

CATANZARO AD ISCHIA. MISTER SANDERRA: “SONO OTTIMISTA, HO UN GRAN GRUPPO”

La forza dei nervi distesi. Nel caso di Stefano Sanderra, probabilmente, è la frase più azzeccata a fronte di una nuova emergenza a centrocampo, delle polemiche del post derby con la Vigor per finire poi alla decisione degli ultrà di auto sospendersi. Primo argomento toccato dal tecnico nella conferenza stampa pregara è quello relativo ala composizione della linea mediana ad Ischia: “Zappacosta è squalificato mentre Giandonato è nuovamente alle prese con un fastidio muscolare nella parte già colpita in passato. Che dire, ci regoleremo di conseguenza. Per quanto riguarda Giandonato faccio questa considerazione. Abbiamo tanti giocatori a centrocampo ed in attacco che, quando sono arrivati a Catanzaro, non avevano i novanta minuti nelle gambe. Per ovvi motivi, c’era e c’è il rischio di incorrere in qualche problemino. Sarr come vice-Giandonato? E’ un giocatore di quantità che unisce anche qualità. In allenamento ha fatto vedere buone cose, ma le gare ufficiale sono ben altra cosa. Ci sono però buoni presupposti per lanciarlo nella mischia sin dall’inizio”. Uno sguardo al presente ed uno al futuro: “Ad Ischia, ci attende una partita difficile. Del resto, già un insegnamento l’abbiamo avuto nella gara con l’Aversa Normanna. Le squadre con l’acqua alla gola sono pericolose. Poi, l’Ischia viene da una pesante sconfitta con tanto di ritiro durato quasi tutta la settimana…”. “Speriamo di andare ad Ischia e di fare una grande partita – sottolinea -. Io sono ottimista, anche perché posso contare su un gran gruppo”.

Poi, la sua ricetta in chiave futura: “Innanzitutto, dobbiamo pensare ad ottenere sempre il massimo in ogni partita, sfatando il tabù-Campania e quindi puntando a migliorare le nostre prestazioni. Anticipo che già da sabato ci saranno novità. Giocheremo tre partite in una settimana e quindi cercheremo di sfruttare al meglio le varie opzioni che abbiamo in avanti”. Rispondendo alle domande dei cronisti presenti aggiunge: “Nelle prime tre partite del ciclo nuovo abbiamo vinto tanto, anche col grosso entusiasmo. Poi, magari, c’è stato qualche intoppo fisico per i motivi che ho già sottolineato. Un passaggio a vuoto, obiettivamente, c’è stato ad Aversa, mentre con la Vigor Lamezia penso che siamo stati noi a provare a fare gioco. E’ vero che stiamo prendendo qualche gol di troppo, ragion per cui dobbiamo tornare a blindare la nostra porta”.

Pensiero finale dedicato alla decisione presa in settimana dagli ultrà: “E’ una presa di posizione che rispettiamo ma che ci penalizza. Immagino una partita importante come quella col Foggia, senza avere la gran voce dei tifosi… è un vero peccato. E’ un dato che ci penalizza. E ribadisco che se con la Vigor ci fosse stata ben altra cornice di pubblico penso che le cose in campo sarebbero andate diversamente”.

Trasferta: Intanto potrebbe essere vietata la trasferta ai tifosi giallorossi per la gara di sabato. L’orientamento del Casms in merito sarà reso noto in queste ore.

POTREBBE INTERESSARTI

FESTA DEL CENTENARIO ABUSIVA. CIRO CURCI: “QUESTA E’ UNA GRANDE VIGLIACCATA!”

Redazione-

FESTA DEL CENTENARIO DELL’ISCHIA CALCIO, SI SCOPRE SOLO ORA CHE E’ ABUSIVA

Redazione-

ECCELLENZA. BUONOCORE: “SIAMO PARTITI SOTTO RITMO, SUCCEDE CON TANTI CAMBI”

Redazione-

ECCELLENZA. DE SIMONE: “IMPORTANTE VINCERE, SPERIAMO DI PORTARE A CASA LA QUALIFICAZIONE”

Redazione-

COPPA ITALIA. ISCHIA CALCIO – ACERRANA 1-0, LA SINTESI DEL MATCH

Redazione-