Teleischia
Cronaca

INCIDENTE NEL PORTO DI CASAMICCIOLA, ALMENO 55 I FERITI LIEVI. LE TESTIMONIANZE

Aumenta di ora in ora il numero dei passeggeri della nave “Maria Buono” della Medmar che stamattina ha impattato contro la banchina del porto di Casamicciola, che si stanno recando al pronto soccorso del Rizzoli per essere visitati, il numero al momento è salito a 55. Lo si apprende dal direttore dell’ospedale, Roberto Capuano che coordina i sanitari. “E’ un afflusso continuo al pronto soccorso – afferma il direttore sanitario – ma si tratta di traumi minori, leggere contusioni e anche soggetti per stati d’ansia”.

Ancora scossi per quanto accaduto e per l’avventura subita, in attesa delle visite dei sanitari, i passeggeri esclamano all’unisono: “Per un attimo abbiamo temuto fosse un attentato perché l’impatto è stato forte, poi il panico a bordo tra i passeggeri ha fatto il resto”. Un racconto che fa proprio anche Esterina De Vincenzo mentre attende il proprio turno all’esterno del pronto soccorso dell’ospedale isolano per un dolore al piede. “Al momento di alzarmi per avvicinarmi all’uscita c’è stato l’impatto – racconta la donna – e in quel momento è stato il panico a bordo, sono stata investita e colpita da altri passeggeri in fuga sulla nave”.

Pasquale Basso, 39 anni, di Napoli, stava girando un video a bordo della Maria Buono per ammirare le bellezze del porto isolano. Ha ripreso la nave che si accosta, fino a pochi istanti prima dell’impatto: “Ho sentito delle urla, ‘attenzione’ ‘attenzione’, e mi sono spaventato, pochi istanti dopo c’è stato l’impatto della nave con la banchina, sono saltato e ho sbattuto contro un palo rimanendo colpito alla testa e al piede”. Per lui un leggero trauma cranico e una ferita al piede. Anche la moglie, Rosaria Schioppo, 39 anni di Napoli, è rimasta ferita al ginocchio, alla schiena e al capo.

“C’è stato il panico totale a bordo” racconta Marina Grillo, 47 anni di Napoli, mentre è distesa su una barella all’esterno del Pronto Soccorso con dolori al collo e alla gamba. “A un certo punto abbiamo visto dai finestrini che la nave, seppur giunta in porto, non rallentava la sua corsa nella retromarcia e non è stato difficile capire che stava andando a sbattere contro la banchina. Dopo l’impatto – aggiunge Marina Grillo – sono volate sedie, i passeggeri atterriti sono finiti addosso ad altri passeggeri, io sono finita sotto ad altri atterriti, è stato il panico”. É andata meglio a Carmine Montefusco, 49 anni, napoletano. “Nel corso dell’impatto la macchina del caffè è volata sbattendo al suolo, fortunatamente non mi ha colpito”.

É stato Vincenzo Esposito, 29 anni, in forza alla “Misericordia di Caivano”, insieme con due colleghi tutti in servizio al 118 sull’isola d’Ischia, tra i primi soccorritori dei passeggeri impauriti ed atterriti per l’impatto della “Maria Buono”, la nave della Medmar finita contro la banchina del porto di Casamicciola. “Eravamo seduti all’interno del salone passeggeri – racconta Vincenzo Esposito – abbiamo sentito un urto, in tanti sono finiti a terra, è stato il panico. Io e i miei colleghi abbiamo prestato i primi soccorsi ai feriti e subito abbiamo attivato la macchina dei soccorsi avvisando il 118 di inviare ambulanze al porto”.

POTREBBE INTERESSARTI

SANITA’. L’APPELLO DEL CUDAS A RIATTIVARE LE ATTIVITA’ OSPEDALIERE SOSPESE

Redazione-

L’APPELLO DI GENNARO SAVIO AI CITTADINI DI ISCHIA E DELL’INTERA ISOLA: “CHI VUOLE DARMI UNA MANO MI CONTATTI”

Redazione-

PROCIDA. TRAGEDIA SFIORATA AL PORTO, INCIDENTE TRA UN’AUTO E DUE PEDONI

Redazione

CORONAVIRUS. DATI NAZIONALI 17 MAGGIO, NUOVI CONTAGI 30.408 E 318 LE TERAPIE INTENSIVE

Redazione-

VIOLENZA E DISAGIO GIOVANILE. COMITATO PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA IN PREFETTURA

Redazione-