Teleischia
Senza categoria

TURISMO: IANNOTTI PECCI AD ACQUITALY: ” LE TERME VALORIZZANO IL TERRITORIO”

Jannotti Pecci ad Aquitaly, conferenza internazionale acqua
“Le acque minerali e termali hanno rappresentato per secoli una risorsa fondamentale (spesso unica) per la salute e recentemente andare per terme è tornato di moda anche a fini di benessere e di turismo termale. Ed è crescente anche il numero di persone che si muovono, tra i Paesi dell’Unione Europea, per motivi di salute grazie all’attuazione della direttiva Ue per le cure transfrontaliere”.
A dirlo è Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federterme, nel suo intervento ad Aquitaly, la conferenza internazionale sull’acqua in cui sottolinea come le terme siano decisive anche nella valorizzazione del territorio. “In Europa e nel mondo – spiega – l’offerta termale italiana viene avvertita come un vero e proprio ‘modello di welfare’ di grande rinomanza e reputazione, spesso imitato e preso come punto di riferimento per le sue caratteristiche e valenze anche di natura sociale. Ma anche l’attrattività complessiva (culturale e naturale) delle destinazioni termali fa la sua parte”. “L’Italia – sottolinea – è un Paese fortunato anche per il suo patrimonio di acque minerali e termali – unico al mondo sia per qualità terapeutiche che per quantità – e occupa una posizione al vertice del ranking internazionale; sia per la varietà delle acque termali disponibili sia per la riconosciuta reputazione dei medici e degli operatori termali e dei relativi centri. Allo stato attuale, il sistema italiano può far leva su circa 400 stabilimenti termali (la maggior parte dei quali con annesso albergo e centro benessere) diffusi su tutto il territorio nazionale: per la precisione, sono direttamente coinvolti ben 180 comuni delle varie regioni, ognuno dei quali rappresenta una vera e propria risorsa sempre più integrata nell’offerta turistica del Sistema Italia, grazie alla collaborazione tra pubblico e privato sul territorio con progetti di valorizzazione integrata”. “Questo patrimonio – conclude – è a disposizione di tutti: il sistema di welfare termale italiano assicura cure da parte del Servizio Sanitario Nazionale a tutti, su prescrizione del medico o del pediatra di famiglia”. (ANSA).