Teleischia
Senza categoria

Domani a Napoli il convegno organizzato dall’Università Telematica Pegaso

Università 3.0 – I nuovi modelli di apprendimento in rete
Domani Venerdì 29 novembre 2013 alle ore 10, presso il Salone degli Specchi di Palazzo Zapata, Piazza Trieste e Trento 48, Napoli, convegno dal titolo “Università 3.0 – I nuovi modelli di apprendimento in rete.”
L’Università Telematica Pegaso ha organizzato un incontro unico, che catalizzerà l’attenzione di tutto il mondo accademico e culturale. Esperti nazionali ed internazionali si confronteranno sulle nuove modalità di apprendimento on-line, in quello che a pieno titolo può definirsi il dibattito più importante e prestigioso in Italia in materia di E-learning.
La Pegaso si erge ancora una volta a nuovo polo sociale e culturale non solo per Napoli, ma per tutta Italia. Forte di una crescita esponenziale, l’ateneo telematico può definirsi a pieno titolo una realtà consolidata nel panorama accademico nazionale e vuole diventare l’esempio più serio e concreto di quella che ormai viene definita come “istruzione telematica”.
Il Sottosegretario all’Istruzione, l’on. Marco Rossi Doria, nonostante i suoi numerosi impegni, ha fortemente voluto presenziare a questo avvenimento, seppur in collegamento telefonico, per testimoniare la bontà dell’operato della Pegaso ed il valore sempre più rilevante che le università telematiche stanno avendo nel contribuire alla crescita culturale del paese.
La rilevanza del convegno è sentita anche da parte delle Istituzioni Comunitarie: il Vice Presidente del Parlamento Europeo, Gianni Pittella, saluterà l’incontro con un intervento teso a descrivere l’importanza delle nuove forme di apprendimento, in linea con il LifeLong Programme della Comunità Europea e con quanto già sviluppato in paesi come Francia e Germania.
Per un evento di tale portata, non poteva esserci miglior moderatore del Vice Direttore del TG1 RAI, Gennaro Sangiuliano, che guiderà con la sua esperienza una tavola rotonda ricca di ospiti di caratura internazionale.
La professoressa Luigia Melillo, Responsabile del LifeLong Learning dell’Università Telematica Pegaso, aprirà la discussione, in qualità di massima esperta del settore.
Seguirà la testimonianza di Aurelio Simone, Presidente della SIEL, Società Italiana E-Learning, che da più di dieci anni favorisce la ricerca scientifica e la sperimentazione delle buone pratiche dell’e-learning e della distance education, ritenute strategiche per l’istruzione e l’educazione del cittadino e per la formazione e l’aggiornamento delle professioni.
Laris Gaiser, analista geopolitico, consigliere economico, manager e giornalista di fama internazionale, collaboratore di riviste del calibro di Limes, VicePresidente EMUNI University Slovenia, offrirà al simposio uno sguardo ancora più internazionale, mostrando quanto ampio possa essere il raggio d’azione dell’istruzione telematica.
Charo Romano, Tesoriere e Membro del Consiglio Direttivo dell’European University Continuing Education Network (EUCEN), la più grande Associazione Europea multidisciplinare di LifeLong Learning con sede in Belgio e con 195 membri di 36 differenti paesi, chiarirà quali sviluppi ha avuto e quali può ancora avere l’e-learning in Europa.
Il Prof. Giancarlo Laurini, Commissario straordinario del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Dottori Commercialisti, focalizzerà l’attenzione sulla necessità del perfezionamento delle professioni attraverso la telematica: necessità fondamentale per chi esercita una professione, come quella del commercialista, e vuole aggiornarsi costantemente, sì da restare competitivo nel mercato del lavoro.
Concluderà l’evento il Presidente del C.d.A. dell’Università Telematica Pegaso, Danilo Iervolino, chiamato a tirare le somme su quanto di positivo sviluppato da uno dei più grandi esempi di e-learning, la Pegaso, su come questo ateneo stia rappresentando un vero e proprio modello della nuova formazione in rete e su quanto ancora queste nuove modalità di apprendimento possano implementarsi nel sistema formativo ed accademico nazionale ed internazionale, ampliando sempre di più la condivisione dei saperi e la diffusione dei contenuti.