Teleischia
Sport

IL BARANO VA SOTTO E POI RECUPERA. PARI COL S.VITO POSITANO

A Barano va in scena la 19° giornata del campionato di promozione. In campo Barano e S. Vito Positano, gli ospiti ben saldi nella zona play-off (3° posto), il Barano che invece è appena ai margini delle prime sei. Si era pronosticata una bella partita e in parte lo è stata, più per l’agonismo che per il gioco. Gli aquilotti partono malissimo, i ragazzi di mister Dinolfo sono troppi “molli” sia in fase di impostazione che nei controlli di palla.  Dall’altra parte il S Vito Positano gioca meglio, ma  gli ospiti, a parte qualche minuto in più di possesso palla, non creano grossi problemi a Circello. Ne esce una partita brutta da vedere, con un Barano che sbaglia molto, troppo. Il match si sblocca intorno al quarto d’ora: l’arbitro assegna un calcio di rigore a seguito di un tocco di mano di Restituto  (che viene anche ammonito) tra le proteste dei giocatori del Barano. Il tocco di mano c’è stato, scelta accettabile del direttore di gara Altobelli (che non rispetterà in seguito il metro di giudizio). Sul dischetto si presenta Porzio che spiazza Circello e porta in vantaggio la sua squadra. L’episodio del calcio di rigore nasce da una doppia palla persa dal capitano Ferrari. Come detto un Barano che sbaglia e dopo il goal, non solo non riesce a reagire, ma continua a commettere errori grossolani. Si distingue soltanto Saurino che con il suo solito agonismo prova a dare una scossa alla squadra, facendosi trovare in tutte le parti del campo. Ma al 35’ è ancora un errore di impostazione a complicare le cose per il barano: Manzi perde in modo imbarazzante un pallone a centrocampo, aprendo un’autostrada per il contropiede della squadra ospite che va a segnare nuovamente con Porzio. A questo punto il Barano va in panne e prova ad approfittarne ancora la squadra allenata da mister Guarracino che in trenta secondi, sugli sviluppi di due calci d’angolo, colpisce per ben due volte il palo alla sinistra di Circello. Il primo tempo termina sullo 0-2. Nel secondo tempo, mister Dinolfo si gioca la carta Impagliazzo, esce Restituto, lo rimpiazza nella posizione di difensore centrale Accurso,  che nel corso del primo tempo aveva agito prima sull’esterno sinistro poi anche sul destro; cambia anche il modulo, con Impagliazzo punta centrale, Saurino e Mattera esterni di attacco. Un  4-3-3 che ottiene bei risultati, perché nel corso della seconda frazione di gioco, il S. Vito Positano non si fa vedere praticamente mai dalle parti di Circello. I padroni di casa impiegano solo 7’ per accorciare le distanze: Ferrari sponda per Saurino che da fuori area piazza il pallone nell’incrocio dei pali. Cambia l’inerzia della partita, il Barano ci crede e fa bene. Tuttavia, gli ospiti schierati tutti dietro la linea del pallone,  non lasciano spazio alle offensive del Barano. Poi si infiamma la partita: viene allontanato l’allenatore del S. Vito Positano Guarracino (pare che non sia stato lui a protestare con il direttore di gara), il quale impiega molto tempo prima di lasciare il terreno di gioco. L’allenatore ospite si va a posizionare dietro la propria porta, facendo infuriare i dirigenti del Barano (viene allontanato Di Meglio dalla panchina). Il nervosismo in quella parte dello stadio ha costretto i carabinieri ad intervenire, invitando Guarracino ad allontanarsi. La partita si accende definitivamente quando il direttore di gara decide di non sanzionare con un rigore un fallo di mano commesso da un difensore ospite. Situazione uguale a quella che invece nel primo tempo ha portato al calcio di rigore per il S. Vito Positano. In questo clima di nervosismo in campo e sugli spalti (dove ad essere preso di mira è il commissario di campo), arriva il goal del pareggio del Barano: un gran goal di Sogliuzzo, anche lui dal limite dell’area di rigore, mira l’angolino basso e con un rasoterra potente riporta il risultato in equilibrio. E’ ancora il Barano ad insistere nei minuti finali e nonostante i ben 5’ di recupero concessi, i tentavi  si traducono in un nulla di fatto. La partita si conclude sul risultato di 2-2 tra le mille polemiche soprattutto nei confronti del fischietto di Fratta Maggiore. Scaramucce anche tra i giocatori a fine partita e soprattutto negli spogliatoi ci è voluto un po’ prima che Guarracino e la dirigenza del Barano si chiarissero sull’accaduto. Arbitro contestato non solo per la conduzione della gara (obiettivamente caratterizzata da un metro di giudizio non uniforme anche sulla gestione dei cartellini), ma anche e soprattutto perché a detta del segretario baranese  Mattera , la terna arbitrale sarebbe stata beccata a pranzo con la squadra del S. Vito Positano. Per dovere di cronaca è giusto raccontare ciò che è successo e i vari malumori espressi dagli addetti lavori. Quel che conta, comunque, è il risultato finale. Un pareggio giusto, perché nessuna delle due squadre ha dimostrato superiorità rispetto all’altra. Prossimo turno in trasferta sul difficile campo del Pro Pagani. Anche questa,  partita da zona play-off.

 

BARANO: Circello, Manzi, Silvitelli, Ferrari, Del Deo, Restituto, Senese, Sogliuzzo, Saurino, Accurso, Mattera, Malaspina, Di Scala, Saurino Lombardi Pisani Buono Impagliazzo.

Allenatore: Thomas Dinolfo

MARCATORI: Saurino, Sogliuzzo

AMMONITI: Circello, Senese, Sogliuzzo, Saurino, Restituto

 

S. Vito Positano: Mundo, Volpe, Scippa, D’Alessio S., D’Alessio M., Esposito, Gargiulo, Cappiello, Cifani, Porzio, Iannucci, Imperato, Caracciolo, Cappiello L., De Filippo, Palladino, Mosca, Raffone.

Allenatore: Antonio Guarracino

MARCATORI: Porzio (2)

AMMONITI: Volpe

 

di Vincenzo Agnese

POTREBBE INTERESSARTI

ECCELLENZA. SAVOIA-ISCHIA CALCIO 1-3 (LA SINTESI)

Redazione-

ECCELLENZA. MONTI: “UN INIZIO DIFFICILE, DOBBIAMO INIZIARE A FARE PUNTI” (SERVIZIO TV)

Redazione-

NUOTO PER SALVAMENTO. ANCHE L’AURAS ISCHIA AI MONDIALI DI RICCIONE CON PENNIELLO E TRANI

Redazione-

ECCELLENZA. ISCHIA CORSARA, SCONFITTO IL SAVOIA 3-1

Redazione-

PROMOZIONE. CALIFANO: “PARTITI IN RITARDO, DISPIACIUTI PER IL RISULTATO”

Redazione-