Teleischia
Senza categoria

OS.I.S. RINNOVA LE CARICHE DELL’ESECUTIVO ANGELO D’ABUNDO NUOVO PRESIDENTE, VICE PRESIDENTE DONATELLA MIGLIACCIO SEGRETARIA FRANCESCA BUONOCORE

(c.s.) L’Osservatorio sui fenomeni socio-economici dell’isola d’Ischia ( OS.I.S.) ha provveduto a rinnovare il proprio direttivo e i propri organi esecutivi, nell’ottica di un democratico ricambio e ringiovanimento dei quadri nonché dell’inserimento di quadri femminili di valore, per un doveroso riequilibrio di genere.
Il Presidente uscente Francesco Borgogna ha salutato e ringraziato i soci per il lavoro svolto, anche a nome del vice Presidente Giovanni D’Amico e del Segretario Giuseppe Mazzella ( uscenti anch’essi) e ha proposto Angelo D’Abundo, ingegnere e già dirigente industriale dell’ ENI, per la carica di Presidente, la dottoressa Donatella Migliaccio per la vice Presidenza e la dottoressa Francesca Buonocore per la Segreteria.
Il nuovo esecutivo è stato approvato all’unanimità dei presenti del Direttivo, costituito dai seguenti nove membri: Francesco Borgogna, Giuseppe Mazzella, Giovanni D’Amico, Francesco Rispoli, Filippo Di Iorio, Ciro Cenatiempo, Donatella Migliaccio, Francesca Buonocore, Angelo D’Abundo.
Sindaci sono stati confermati: Domenico Giordano, Giovanni Di meglio e Giovannino Di Meglio.
Il Direttivo ha, altresì, nominato Presidente Onorario Francesco Borgogna.
E’ stato tracciato un consuntivo dell’attività svolta dal 2010 al 2013, con una serie di studi e convegni economico-sociali, nonché manifestazioni artistico-culturali tra Ischia, Casamicciola e Lacco Ameno ed è stato delineato il programma per il biennio 2014-2015, a partire dalla sollecitazione e sostegno del progetto di recupero dei terreni incolti, previa accordo trilaterale: Comuni ( soprattutto i Comuni di Barano e Serrara – Fontana), Terzo Settore, Proprietari di terreni incolti, al fine di preservare il territorio dal degrado e dall’incuria crescente, assicurare al mercato isolano prodotti della terra di assoluta affidabilità qualitativa ed igienico-alimentare, di incentivare l’occupazione giovanile e di intercettare – infine –
con progetti mirati, i notevoli finanziamenti europei stanziati per i 7 anni 2014 – 2020 in favore dei settori ortofrutticoli e viticoli.
Il Direttivo ha confermato l’ impegno a sostenere il progetto di trasformazione urbana di Casamicciola, ritenuta area in declino industriale dell’ isola d’ Ischia, presentato congiuntamente al Comitato Colibrì nei Luoghi del cuore del Fai per il recupero del complesso monumentale del Pio Monte della Misericordia ( secoli XVII e XIX), sabato 13 aprile 2013 nel corso del seminario tenutosi presso l’ Hotel Marina 10 di Casamicciola.
Il progetto di finanza di territorio e di marketing territoriale – “ Casamicciola, dove l’ Acqua è Vita” – prevede l’ utilizzazione dell’ art.120 del Testo Unico degli Enti Locali per costituire una Società di Trasformazione Urbana capace di attivare con il Ministero della Coesione Territoriale, con un partenariato sociale molto diffuso ed istituzionale ( Provincia di Napoli, Regione Campania, INVITALIA) ed un rinnovato protagonismo del Comune di Casamicciola e degli altri 5 Comuni dell’ isola nell’ ambito dei fondi europei 2014-2020, investimenti pubblici e privati, strutturali ed infrastrutturali, per almeno 100 milioni di euro per il recupero di circa 100mila mc. di superficie coperta costituita sia dal fatiscente complesso del Pio Monte della Misericordia ( nell’ area della Marina e di Piazza dei Bagni del Gurgitello) sia dagli stabilimenti termali dismessi del Bacino di La Rita e dell’ ex-complesso alberghiero-termale La Pace situato nei Comuni di Casamicciola e Lacco Ameno. Il progetto prevede anche la piena e corretta utilizzazione dei due porti turistici rudimentali allo stato esistenti. Complessivamente il progetto prevede 16 interventi strutturali ed infrastrutturali resi “ giuridicamente agibili” dalla Società di Trasformazione Urbana anche con l’ esproprio come previsto dall’ art.120 del TUEELL – fra i quali il recupero e la corretta utilizzazione dell’ ex-Capricho de Calise in Piazza della Marina. Si stima un riflesso occupazionale diretto ed indotto dai 200 ai 400 addetti per almeno 5 anni.
E’ stato sottolineato che il progetto di trasformazione urbana di Casamicciola potrebbe essere il progetto-pilota per un “ Piano di Recupero” di tutti gli immobili dismessi situati nei sei Comuni dell’ isola d’ Ischia, sottoposta all’ inedificabilità assoluta per nuovi interventi edilizi ai sensi del Piano Urbanistico Territoriale del 1995, così come sollecitato circa due anni fa dall’ allora assessore regionale all’ Urbanistica, Marcello Taglialatela.
E’ stata anche rimarcata la necessità di una “ coesione economica e sociale dell’ isola d’ Ischia” nelle more di una unificazione amministrativa così come annunciata il 17 settembre 2013 in Villa Arbusto a Lacco Ameno in occasione della presentazione del libro di Carlo Borgomeo “ L’ equivoco del Sud”.
Il Direttivo si è anche interrogato sugli sviluppi dell’informazione scritta isolana, ripromettendosi di analizzare e valutare le ricadute socio-economiche della coesistenza concorrenziale che si è venuta a creare con due quotidiani locali, che – a loro volta – si intrecciano con canale televisivo locale o locale giornale on-line.