Teleischia
Senza categoria

La conferenza del Garden Club dell’isola d’Ischia su “Olivo, olio e qualità della Vita”

E’ stata dedicata all’ Olivo, Olio e qualità della Vita, la conferenza che – nonostante i disagi meteorologici – il 22 novembre si e’ tenuta ad Ischia presso la Biblioteca Antoniana – organizzata dal Garden Club.
La Presidente del Garden Club Isola d’Ischia – Nunzia Mattera Sena – dopo una breve introduzione, ha presentato il Prof Antonio Rotundo dell’ Univ. della Basilicata, accademico della “Società dei Georgolifi e dell’Accademia dell’olivo e dell’olio”, il Prof. Claudio Di Vaio Dipartimento di Agraria del’ Univ. di Napoli ” Federico II”, Accademico dell’Accademia dell’olivo e dell’olio e delegato SOI ed il Dott Roberto Mabilia, delegato LILT per la provincia di Napoli.
Il Prof Rotundo – in apertura del suo intervento, ha presentato il volume dedicato al ” Il germoplasma olivicolo meridionale”.
L’opera, coordinata dal prof. Antonio Rotundo e dal dott. Enzo Perri del CRA di Rende, è stata sviluppata nell’ambito di progetti europei, nazionali e regionali ed ha visto la partecipazione di docenti e ricercatori delle Università di Potenza, Napoli, Foggia e Campobasso.
Durante la conferenza, il Prof Rotundo, ha illustrato le principali caratteristiche bioagronomiche, le potenzialità produttive, la resistenza a stress abiotici e biotici, le caratteristiche organolettiche e sensoriali degli oli. Inoltre, cenni sulle produzioni tipiche e di alta qualità – l’olivicoltura del meridione e le cultivar autoctone, gli ambienti di coltivazione, le tecniche di coltivazioni rispettose dell’ambiente, le potenzialità e vocazionalità dei territori.
A seguire l’interessante intervento del Prof Claudio Di Vaio sulle tecniche agronomiche e la qualità degli oli, odori, fragranze e aromi, la composizione dell’olio di oliva ed il grado di maturazione delle olive. Con il supporto di alcune immagini, il dott Di Vaio ha illustrato i tempi di conservazione ed i processi di trasformazione; i metodi di conservazione dell’olio d’oliva ed i fattori che influenzano la qualità dell’olio di oliva.
Nell ‘ultimo intervento il dott. Roberto Mabilia ha parlato dell’impegno della Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, che opera da oltre 80 anni : LILT è l’unico Ente Pubblico sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è Ente Morale che svolge attività nel settore oncologico mediante l’informazione, la prevenzione primaria secondaria e terziaria, diagnosi precoce, lotta al tabagismo, offre assistenza, riabilitazione ed educazione sanitaria e di ricerca.
Il dott Mabilia ha catturato l’attenzione di tutti focalizzando l’importanza dell’olio extra vergine di oliva nella dieta mediterranea e del miglioramento della qualità della vita sia dal punto alimentare che salutistico.
Gli squilibri nutrizionali in occidente generano diffuse patologie legate ad alimentazione eccessiva e sbagliata, in contrapposizione a quanto avviene in altre parti del mondo dove ci sono problemi di malnutrizione.
Dopo aver parlato delle malattie del benessere: cardiovascolari, arteriosclerotiche, obesità, diabete e tumori, ha citato gli innumerevoli pregi dell’olio di oliva e della vitamina E di cui esso è ricco.
L’olio d’oliva aiuta a contrastare i radicali liberi responsabili di invecchiamento, tumori e altre patologie, e’ antiossidante, colecistocinetico, regola l’intestino, riduce il rischio di infarto e di altre malattie arteriosclerotiche, è gastroprotettore, e recentemente, grazie alla ricerca, si è dimostrato che l’acido oleico inibisce la crescita delle cellule tumorali della mammella, coltivate in vitro.
In Campania, la cultura dell’olio e dell’olivo e’ millenaria, infatti reperti archeologici di epoca Romana sono stati rinvenuti anche negli scavi di Pompei, e con oltre 72mila ettari di coltivazioni la Campania è la sesta regione per importanza olivicola; l’olivo qui viene coltivato prevalentemente in collina ed ha non solo funzione di produzione, ma paesaggistica e di difesa del territorio: ama il sole, consuma poca acqua e non vuol mai morire.
L’intento del Garden Club, è di avvicinare adulti e bambini al mondo del verde, quindi anche di avvicinare il consumatore all’agricoltura, per dare valore ad un prodotto che quotidianamente è sulle nostre tavole.
Valori e valore dell’olio d’oliva per un ritorno della natura, in un momento in cui stiamo avendo paura di essa.
L’olivo “simbolo” e “realtà” per la qualità di una vita che tutti continuiamo a cercare.