Teleischia
Attualità

PROCIDA: RIAPERTA L’ISOLA ECOLOGICA CHE ERA STATA SEQUESTRATA. L’INTERVISTA ALL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE

procida isola ecologicaL’isola ecologica riapre i battenti dopo mesi di fermo e di carta bollata. Una mina vagante che sembrava dovesse esplodere e deflagrare con gravi conseguenze per la classe politica e per l’isola intera. Ma non è stato così; qualcuno ha opportunamente disinnescato  l’ordigno, sequestrando  l’area  interessata e chiedendo immediate e risolutive  misure di legalità ambientale  e di sicurezza per le abitazioni limitrofe.

Bisogna subito dire che le ripetute  proteste dei cittadini della zona di Pizzaco e di via 4 Novembre, prossime  all’area scelta per l’isola ecologica,  non avevano prodotto negli anni passati alcun risultato positivo.

Sia la Asl Na2 che l’ARPAC avevano aggiunto le loro riflessioni critiche,  ma senza alcun beneficio per i cittadini che continuavano a subire  i danni provocati dall’Isola Ecologica.

Gli ultimi esposti alla Magistratura proprio da parte dei cittadini hanno portato infine al sequestro della zona e ad un avviso di garanzia per l’allora Sindaco Vincenzo Capezzuto, il quale  cercò subito di attivare il processo di risanamento, chiedendo fondi alla Città Metropolitana.

In questo frangente avviene  il ribaltamento politico e le elezioni vengono vinte dal Dr. Raimondo Ambrosino il quale nomina Assessore al ramo  l’Avv. Titta Lubrano Lavadera, che già precedentemente era entrata nel problema avendo accompagnato e difeso le richieste  legittime dei cittadini di Pizzaco.

A lei rivolgiamo qualche domanda per sapere come si è addivenuti a meno di un anno alla riapertura dell’Isola ecologica.

Vorremmo intanto sapere  con più precisione i fatti e sul come si è arrivati al dissequestro dell’area in così breve tempo.

Bisogna ripercorrere  la storia che forse molti cittadini non conoscono. Quando gli Amministratori decisero di affittare i terreni della Signora Schiano di Colella  per ubicarvi l’isola ecologica, in quanto gli abitanti di Marina Grande si erano ribellati alla sosta dei camion maleodoranti presso lato Lingua, pochi intravidero la criticità della nuova postazione.  Nonostante fosse uno dei posti più belli dell’isola, a ridosso del belvedere della Chiaia, quindi località ad alto interesse turistico ed ambientale, i camion cominciarono a depositare rifiuti su rifiuti provocando malessere e indignazione  nei cittadini  residenti in quei luoghi.

Non si poteva scegliere un altro posto?

Per la verità l’isola per come si configura oggi, con  l’alto numero di abitazioni in ogni area  non ha più zone completamente isolate, per cui ogni posto scelto avrebbe creato problemi ai cittadini.

Qual era quindi la situazione dal punto di vista legale nel momento in cui vi siete insediati come nuovi Amministratori.

L’area era già sotto sequestro  ed erano stati già appaltati e iniziati i lavori di urgenza per adeguare tutto il giardino adibito a isola ecologica, apportando tutte quelle misure necessarie per garantire una raccolta rifiuti  col minimo impatto ambientale.

Cosa bisognava adeguare?

Tutto. Niente era a norma. Nessuna cautela era stata messa in atto  in tanti anni, per la qualcosa si lavorava in stato di continua emergenza e senza gli opportuni dispositivi di sicurezza per le abitazioni vicine. Di qui le giuste e doverose istanze di protesta dei cittadini ai quali, all’epoca, ho voluto prestare anche il mio aiuto legale. Ma soprattutto le ripetute diffide della ASL e dell’ARPAC.

Una situazione esplosiva con evidenti danni sociale, quindi.

Esattamente! Quasi nessuno si rendeva conto della gravità della situazione: intanto un esteso inquinamento del terreno sul quale venivano versati i rifiuti, inquinamento atmosferico  e inquinamento acustico con rumori notturni di notevole intensità.

Tuttavia avete trovato i lavori di risanamento già avviati…

Sì, abbiamo ereditato un iter  e ci siamo doverosamente messi  in atteggiamento di seria riflessione e impegno concreto verso quanto già fatto e verso quello che ancora bisognava fare.  Abbiamo infine  dovuto predisporre  il piano politico di attuazione della messa in opera dell’isola ecologica, precisando tempi, luoghi, modalità ed effetti sui lavoro di raccolta.

Quando è avvenuto questo?

Negli ultimi mesi del 2015 e, grazie ai lavori effettuati e alla presentazione di questo nostro piano, con nostra sorpresa l’8 febbraio 2016 ci veniva restituita l’area… A questo punto abbiamo potuto predisporre  le infrastrutture necessarie per adeguare l’area ad un corretto funzionamento: materiale di arredamento, allestimento dei centri raccolta, segreteria, differenziazione interna dei luoghi.

Ma, sono stati ridotti gli effetti inquinanti per i quali i cittadini avevano protestato?

Sono state attuate misure per ridurre la rumorosità, per eliminare il cattivo odore creando barriere fonoassorbenti, ma anche presentando dignitosamente i luoghi  per accogliere bene sia i lavoratori che i cittadini.

Quanto ha inciso l’azione legale  dei cittadini ?

Penso che abbia inciso molto. All’epoca, parliamo del 2014, chiedemmo formalmente gli atti e presentammo alle autorità preposte lo stato dei luoghi. Se la magistratura ha sentito  il dovere di intervenire  con il sequestro è perché ha evidenziato  una situazione pericolosa e dannosa per i cittadini. Per cui tutti dovremmo ringraziare questi abitanti della zona che a loro spese, dopo essere rimasti  inascoltati per anni, hanno intrapreso un’azione giudiziaria che ha permesso oggi a Procida di avere un’isola ecologica a norma.

Resterà comunque un danno, seppur limitato. Quei cittadini ieri si affacciavano su un giardino oggi si affacciano su una discarica.

Comprendo profondamente, anche perché aver aiutato questi cittadini ad esprimere la loro sofferenza mi ha fatto entrare in una realtà socio-politica complessa… Sì quella zona oggi è stata sacrificata… ma qualunque zona dell’isola oggi avrebbe presentato gli stessi problemi. Nella veste di Amministratore ho ritenuto operare affinché i danni fossero ridotti  al minimo, eliminando, come dicevo, il rumore notturno – di notte non si lavora – e l’inquinamento dei terreni, creando ambiti di vivibilità e di migliore ossigenazione nell’area… Saremo vigili per ridurre sempre al minimo ogni tipo di inquinamento.

Oggi quindi l’area è già operativa?

Si la Tekra ha preso in mano l’area e predisposto gli interventi per iniziare  a ricevere il materiale. Oggi ogni cittadino inscritto nelle liste TARI può recarsi nell’isola ecologica, dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 18, e il sabato dalle 8 alle 12, per depositare materiali ingombranti, materiale RAEG (apparecchiature elettroniche, elettrodomestici…) materiale legnoso, materiale di imballaggio, vetro  e fogliame in grande quantità. Piccole  e medie buste di fogliame possono affluire nel “porta a porta”  il giovedì e domenica sera. Ricordo ai cittadini di essere sempre disponibile a ricevere osservazioni critiche o di mal funzionamento.

 

POTREBBE INTERESSARTI

GUARDA IN TV, IN DIRETTA FACEBOOK E SUL WEB LA COMMEDIA “A CHE SERVONO QUESTI QUATTRINI”. IN ONDA DOMANI ALLE 10.30

Redazione-

ISCHIA. MARE SPORCO AI MARONTI, BAGNANTI INDIGNATI

Redazione-

CENTRO ANTIVIOLENZA ISCHIA. INCONTRO PER COMUNICARE LE NUOVE INIZIATIVE. “RIPARTIAMO CON PIÙ ENERGIA!”

Redazione-

CORONAVIRUS. DATI NAZIONALI 06 LUGLIO, 107.786 NUOVI CONTAGI, 51.183 GUARITI

Redazione-

COMMISSIONE REGIONALE LAVORO: AUDIZIONE SU LAVORO NERO E SOTTOPAGATO

Redazione-