Teleischia
Senza categoria

AD ISCHIA DOMENICA SCORSA L’ASSEMBLEA DEI TESTIMONI DI GEOVA

Si è felicemente tenuta domenica 16 Novembre nel Palazzetto dello Sport “Federica Tagliatatela” l’assemblea dei testimoni di Geova di Ischia e Procida, completamente imperniata sulle parole riportate nella prima lettera dell’apostolo Pietro al capitolo 3 versetto 11 dove chi desidera l’approvazione di Dio viene esortato ad allontanarsi dal male e fare il bene, cercare la pace e perseguirla. Il tema dell’Assemblea è stato particolarmente appropriato considerato che ogni essere vivente desidera veramente vivere in pace ed avere una vita felice. Ma sembra che al giorno d’oggi sia difficile realizzare questo naturale desiderio. I discorsi in programma, pertanto, hanno risposto esaurientemente ad alcune domande fondamentali quali “ Cosa è essenziale per provare vera pace? Come possiamo proteggere la nostra preziosa pace con Dio? Come perseguire la pace durante la diffusione del messaggio biblico? In quali campi i giovani devono sforzarsi di perseguire la pace? Perché dovremmo essere dei pacificatori?”

Le risposte sono state date in base a quanto riportato nelle Sacre Scritture in numerosi versetti esaminati ma in particolare riflettendo sul comportamento tenuto da Gesù riportato nella prima lettera di Pietro al capitoli 2 versetto 21 in poi dove si riferisce che Cristo ci lasciò un modello per seguire attentamente le sue orme. Egli non commise peccato né fu trovato inganno nella sua bocca. Quando era oltraggiato non rese oltraggio. Quando soffriva non minacciò ma continuò ad affidarsi a Colui che giudica giustamente. Pure molto significativo è stato il discorso principale che ha fatto riflettere i presenti sul vero motivo per cui bisogna cercare la pace e perseguirla dando particolare risalto a quanto riportato nella prima lettera di Giovanni al capitolo 4 versetti 20 e 21 : “ Se qualcuno fa la dichiarazione: “Io amo Dio”, eppure odia il suo fratello, è bugiardo. Poichè chi non ama il suo fratello che ha visto, non può amare Dio che non ha visto. E abbiamo da lui questo comandamento, che chi ama Dio ami anche il suo fratello.” Come avviene ad ogni assemblea dei testimoni di Geova, c’è stato il battesimo di chi ha concluso il ciclo di preparazione richiesto e che ritenendo di essere in pace con Dio e con il prossimo ha desiderio di diffondere l’insegnamento biblico. I presenti sono stati 878.

È una realtà ben nota che, in tutto il mondo, i testimoni di Geova parlano agli altri del Regno di Dio, che secondo la Bibbia è un governo mondiale che risolverà tutti i problemi che affliggono l’umanità. Gesù nella stessa preghiera del “Padre nostro” insegnò ai suoi discepoli a pregare che questo Regno venisse. Quand’era sulla terra, lui stesso fece conoscere cosa avrebbe fatto questo Regno, che ha lui come Re: (1) provvederà cibo in abbondanza e abitazioni adatte a tutti; (2) eliminerà malattie e infermità di qualsiasi tipo; (3) libererà l’umanità da qualsiasi minaccia di guerra e proteggerà da qualsiasi danno dovuto a calamità naturali; (4) ristabilirà l’armonia e la pace tra l’uomo e la creazione; (5) risusciterà i morti. In sintesi, realizzerà un mondo pacifico in cui le persone si ameranno veramente e saranno in perfetta pace con il Creatore. Queste e tante altre benedizioni promesse da Geova Dio nella sua Parola, la Sacra Bibbia, sono in serbo per tutti coloro che sin da ora vogliono amare Dio pienamente e vivere in pace con Dio e con il prossimo. I testimoni di Geova sono ben lieti di esaminare le Sacre Scritture con coloro che hanno piacere di comprendere cosa esse insegnano realmente, per il nostro massimo bene sia presente che futuro.