Teleischia
Attualità

ISCHIA. VIA LEONARDO MAZZELLA: STRADA OFF LIMITS

Dopo i danni del vento, anche i problemi legati alle forti precipitazioni di ieri cominciano a palesarsi nelle varie zone dell’isola di Ischia. Sono molte le strade che a causa dell’infiltrazione di acqua piovana mostrano oggi i segni di cedimenti strutturali, buche, e smottamenti.
Una delle aperture nel manto stradale più vistose del comune di Ischia si trova in via Leonardo Mazzella. 
Proprio al centro della carreggiata c’è infatti una profonda buca, segnalata con un cartello di pericolo per evitare che auto e scooter ci finiscano dentro. Guarda caso lo smottamento si è verificato proprio in una strada che quest’anno si aggiudica la palma della più martoriata del territorio: tra lavori stradali e vari cedimenti del manto, via Leonardo Mazzella, negli ultimi tempi, è stata più chiusa che aperta.
La protezione civile aveva diramato ieri l’allerta per i pericoli idrogeologici invitando le amministrazione ad attivarsi;
ma dovrebbe essere responsabilità delle amministrazioni comunali manutenere le strade e aprire cantieri che abbiano come scopo il miglioramento delle condizioni del territorio e non un suo peggioramento.
Via Leonardo Mazzella è il caso più eclatante, ma ci sono anche altre situazioni analoghe, come via baldassarre Cossa, solo per citare una delle ultime strade del comune di Ischia finita nel circolo vizioso: lavori- piogge- smottamenti.
Quindi se è vero che il tempo è pazzo, e ci dobbiamo abituare a periodi di forte siccità con episodi di piogge violente, dobbiamo pure preparare il territorio ad affrontare il problema. 

POTREBBE INTERESSARTI

CAPRI. TRAGEDIA A MARINA GRANDE: VENTENNE PERDE LA VITA ANNEGANDO

Redazione-

CAPRI. TURISTA DISPERSO: RICERCHE ANCORA SENZA RISULTATI

Redazione-

GUARDA IN TV. LA SANTA MESSA DALLA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE IN SAN PIETRO (ISCHIA) ALLE 19.00

Redazione-

LUTTO. E’ MORTO RAFFAELE MIGLIACCIO (TRIPPACCHIELLO), LO STALLONE ISCHITANO

Redazione-

ISCHIA. PROMOSSI ALLA CAND GLI ARBITRI ANGELA CAPEZZA E GIOVANNI DI MEGLIO

Redazione-