Teleischia
Attualità

NEWS A CURA DI MARCO LARASPATA: COME SCOPRIRE UN PROFILO FALSO SU FACEBOOK

Come scoprire un profilo falso su Facebook

Fake: immagini e account falsi aperti su Facebook per scopi pubblicitari o per carpire i dati personali degli utenti. In questi ultimi periodi il fenomeno dei profili falsi su Facebook si è espanso notevolmente: segno, da un lato, che è diminuita l’attenzione e la selettività degli utenti nell’accettare amicizie da parte di estranei; dall’altro, che gli interessi degli approfittatori si stanno ampliando sino a sfruttare economicamente ogni possibile aspetto della vita sui social.

Perché i profili
Ma perché mai qualcuno dovrebbe avere interesse a creare account falsi o, come si suol dire in gergo tecnico, profili fake? In alcuni casi, più sporadici, l’obiettivo specifico è proprio la persona stessa cui viene inviata la richiesta di amicizia. Può trattarsi del datore di lavoro, che vuol verificare se il proprio dipendente chatta durante le ore di servizio (una prova di tale tipo è stata ritenuta, dalla giurisprudenza, sufficiente a integrare il licenziamento); può trattarsi del coniuge, spinto dalla gelosia o dall’intenzione di testare la fedeltà dell’altro; può trattarsi di un terzo estraneo che voglia fare qualche dispetto.

Il più delle volte, però, vengono creati profili falsi inviando richieste di amicizia in forma massiva, al fine di ottenere quanti più contatti nella cerchia di “amicizie” di tale profilo. Gli scopi, in questo caso, sono quasi sempre legati a ragioni economiche. Facciamo un esempio per comprendere una delle possibili utilità che un profilo falso su Facebook potrebbe comportare. Viene creato un account rispondente alle sembianze di una bella e giovane ragazza, succintamente vestita. Da questo account vengono spedite richieste di amicizia in modalità random, a una serie indistinta di destinatari. Alcuni di questi, attratti dall’immagine, accettano il contatto senza pensarci due volte. In realtà, il profilo servirà, in futuro, a condividere post di natura commerciale come serate in discoteca, offerte di vacanze in hotel, download di app, servizi di vario genere, ecc. Chi è interessato a sponsorizzare la propria attività, infatti, potrebbe utilizzare tale pubblicità indiretta, a bassissimo costo, che apparirebbe sulle timeline di tutti quanti hanno accettato l’amicizia della bella ragazza, rendendosi inconsapevoli destinatari di spam. Il servizio può essere gestito direttamente dall’azienda interessata alla vendita dei propri beni così come da aziende terze. Un altro (più triste) utilizzo degli account falsi è quello di richiedere alle ignare vittime (quasi MARCO LARASPATAsempre maschietti) un contatto Skype: lì scatta l’esca. Si inizia con un’opera di seduzione che

termina sempre con l’invito a spogliarsi reciprocamente davanti alla cam. Il video però viene

registrato e il malcapitato subisce il ricatto: per non vedere diffuso il filmato hot su YouTube o

Facebook viene invitato a pagare una cospicua somma di denaro (leggi “Spogliarsi su Skype ed

essere ricattati”).

Il più delle volte, la creazione di profili falsi su Facebook è rivolta ad intercettare dati personali

degli utenti come email, fotografie, date di nascita, ecc.

Come riconoscere un profilo falso su Facebook?

Ecco alcuni suggerimenti per scoprire se l’account dal quale ci viene chiesta l’amicizia è un fake o

meno.

Manca l’immagine di copertina

In alcuni casi, la creazione massiva di profili falsi consente solo di inserire l’immagine del profilo,

ma i “falsari” dimenticano poi di inserire l’immagine di copertina. Non succede sempre, ma quando

avviene c’è una buona possibilità che il profilo sia falso.

L’immagine è troppo provocante

Di norma, nessuno inserisce, come propria immagine profilo, quella più provocante o sensuale: un

po’ per vergogna, un po’ per una questione di bon ton. Dunque, diffidate di chi, già dal primo

impatto, usa le maniere dirette.

Scorri le immagini

Una caratteristica che contraddistingue i profili falsi è il numero di immagini presenti sul profilo.

Una bacheca che si rispetti contiene diverse decine di foto, scattate nei momenti più disparati della

vita quotidiana (vacanze, lavoro, uscite con gli amici). Invece, il profilo fake contiene pochissime

foto dove, quasi sempre, il soggetto appare da solo o davanti a uno specchio. Inoltre sono sempre

foto esteticamente curatissime, ai limiti della perfezione, quando invece chiunque, anche l’attore più

noto, ha sempre qualche immagine in cui non è in gran forma.

ASSOCIARSI CONVIENE

Guarda i dettagli delle foto

Spesso lo sfondo delle foto dice molto del contesto in cui è avvenuto lo scatto. Se è vero che il

proprietario del profilo dice di essere residente in Sicilia che ci fa, allora, alle sue spalle, una

mensola in cui le copertine dei libri sono in lingua inglese o russa? A volte, poi, l’arredo di una

camera da letto la dice lunga: gli italiani usano poco la carta da parati o il legno bianco per le porte.

Scorri la bacheca e leggi i post

Un altro dettaglio da non sottovalutare è la lunghezza della pagina profilo. Quando un account è

falso, la pagina profilo è davvero molto breve. Si possono trovare solo diverse foto (con qualche

centinaio di “mi piace”) e qualche condivisione di immagine altrui. Non ci sono però post. Questo

perché, molto spesso, i profili fake sono creati all’estero e chi li gestisce non conosce la lingua

italiana.

Inoltre, nella bacheca del profilo falso si trovano, a volte, condivisioni di immagini a carattere

pubblicitario. Il che dovrebbe dirla lunga.

Il profilo falso non contiene, di norma, immagini scattate con amici, non vi sono tag, né commenti

di amici, né registrazioni in luoghi. Insomma, non c’è vita sociale, quando invece Facebook nasce

proprio per questo.

Controlla i suoi amici

In Italia Facebook c’è già, a pieno regime, da quasi 10 anni. Chiunque ha ormai creato una vasta

rete di amicizie. Un profilo che contenga solo qualche decina di amicizie è verosimilmente falso.

Inoltre leggi i nomi dei suoi amici. Più amici della tua zona avrà questa persona, più sarà probabile

che sia un profilo reale. Al contrario, se vedi solo amici da tutto il mondo, inizia a insospettirti. La

mancanza di amici locali suggerisce che l’account è falso.

Non in ultimo controlla il sesso dei suoi amici. Per esempio: se il profilo fake è quello di una donna,

verosimilmente i suoi amici saranno tutti maschietti, e ciò perché è solo a questi che viene inviata la

richiesta di contatto, essendovi più probabilità di essere accettata.

La foto è rubata

I falsari non mettono mai la propria immagine di profilo, ma la rubano da altri profili o da modelli

non molto conosciuti. Per scoprire se la foto è stata prelevata dal web bisogna seguire questi

passaggi:

– fai click sulla foto con il tasto destro del mouse e salvala sul desktop del tuo computer

– apri il tuo browser per navigare su internet (Explorer, Chrome, Firefox, ecc.);

ASSOCIARSI CONVIENE

– fai su Google Images; ti accorgerai di essere nella relativa pagina se, a destra della stringa di

ricerca, c’è l’icona grigia di una macchina fotografica;

– trascina la foto profilo nel box di ricerca: si espanderà, come mostrato nell’immagine. Google usa

il riconoscimento facciale e altri algoritmi per cercare la foto, e troverà o una corrispondenza esatta

(con informazioni come nome, ecc.), o foto simili all’originale.

Ricerca il nome su internet

Un altro metodo, che non sempre però dà risultati, è cercare il loro nome dell’account su Google per

verificare i risultati. Questo non sarà molto utile se il nome sarà comune, ma per nomi più insoliti

potrebbe essere una buona idea.

Se hanno un nome comune, aggiungi altre informazioni, come indirizzo, età, o ogni altra

informazione che puoi trovare sul loro profilo.

Occhio alle informazioni personali

Passate poi a controllare le informazioni personali: dove vive questa persona? Quanti anni ha? Dove

e per chi lavora? È ovvio che uno che dice di essere un professore e poi ha una foto profilo di un

ragazzino sta mentendo.

Anche la data di nascita può dire molto. Nella fretta di creare uno o più account fake, si presta

poca attenzione – e poco impegno – alla scelta della data di nascita. Molti, per non perder troppo

ASSOCIARSI CONVIENE

tempo, lasciano come data di nascita il 1 gennaio o impostano il 31 dicembre. Se vi si propongono

casi come questi e siete incerti sull’identità di chi ha inviato la richiesta, state all’erta. Account falso

in vista.

Attività recenti: solo foto

Spulciate il profilo per controllare le ultime attività di chi vi ha chiesto l’amicizia. Le probabilità

che si tratti di un account fake, infatti, crescono esponenzialmente nel caso in cui l’utente abbia, di

recente, caricato solo proprie fotografie e abbia inviato nuove richieste di amicizia senza compiere

alcuna altra azione.

Nel dubbio, meglio non accettare

Se più di uno dei predetti indici corrisponde non avere dubbi: rifiuta la richiesta di amicizia e blocca

quel profilo.

Fai click sul loro nome di Facebook, e vai sul loro diario. Sulla destra, sotto la foto di copertina, fai

click sulle impostazioni dei messaggi: potrai impedirgli di contattarti, o segnalarli a Facebook se

credi che siano una minaccia o siano coinvolti in attività illegali.

Se proprio ti vuoi togliere la curiosità

La curiosità è una delle componenti che, oggi, stanno tenendo in vita molti dei social network. In

pochi ne sono immuni. Se, dunque, anche tu ti vuoi togliere la curiosità ed accettare la richiesta di

amicizia, prova a vedere, nei successivi giorni, quali attività “sociali” compie il presunto profilo

falso. Verifica se scrive post, se ti risponde in chat in modo non sibillino, o se svolge altri tipi di

attività. O, diversamente, potresti fare un esperimento: scommettiamo che, se non accetti l’amicizia,

tra circa un mese quel profilo non esiste più?

POTREBBE INTERESSARTI

LINEA DI CONFINE. TROÌA: L’ARTE DEVE EMOZIONARE, ALTRIMENTI NON È ARTE”

Redazione-

ISCHIA. AL “MATTEI” RITIRATO UN DIPLOMA DEL 1962: “UN REGALO PER MAMMA” (SERVIZIO TV)

Redazione-

FORIO. A SCUOLA IL CORSO DI PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

Redazione-

ISCHIA PONTE. COMMERCIANTI SFIDUCIATI, POCHI TURISTI, MANCANO I RUSSI

Redazione-

CAMPI FLEGREI. BRADISISMO. AL RIONE TERRA UN CONVEGNO SCIENTIFICO TRA SICUREZZA E PREVENZIONE

Redazione-