Teleischia
Senza categoria

ISCHIA CALCIO: PORTA SULLA GRATICOLA… MA TROPPI DUBBI IN CASA GIALLOBLU

Casertana Ischia ha chiuso una delle settimane più turbolente in casa gialloblu. Iniziata con la sconfitta in casa con la Paganese, con una pessima prestazione, continuata con la contestazione dei tifosi timorosi per una probabile retrocessione e particolarmente critici con l’allenatore Antonio Porta, e poi in parte rassicurati dall’incontro con Dino Celentano ed Enrico Fedele. Quella che si apre domani però sicuramente non sarà una settimana più tranquilla. Dino Celentano attende che Carlino gli dia carta bianca per prendere le decisioni che servono: innanzitutto conferire l’incarico  di dg ad Enrico Fedele. Carlino è però in Cina e torna sabato prossimo. La società deve far fronte alla vicenda allenatore. La piazza chiede che venga esonerato o si dimetta. Celentano e con lui Di Bello non è di questo parere: le responsabilità di questo inizio campionato secondo loro non vanno attribuite esclusivamente a mister Porta. Nel frattempo Dino Celentano ha invitato l’allenatore in seconda Di Napoli a rientrare nel suo incarico. Dovrebbe essere presente al prossimo allenamento. Particolarmente gradito il suo rientro ai tifosi che vorrebbero però che fosse investito di ben altre responsabilità: la guida della prima squadra. Una candidatura proposta da molti. Ma Di Napoli non è abilitato ad allenare in Lega Pro. La soluzione per molti sarebbe quella di affidare la squadra a BILA-DINA, ovvero alla coppia Bilardi (tesserato Uefa A) e Di Napoli (tesserato uefa B). Ma la società sarà favorevole a far rientrare l’ex allenatore della Berretti in prima squadra dopo le sue dimissioni? Sul web circola anche il nome di Campilongo, per la panchina gialloblu. Ma dopo l’esonero dello scorso anno e la grande frattura tra Mister Sasà e Lello Carlino anche questa proposta non sembra percorribile. L’unica cosa certa fino a questo momento è che Porta ha le ore contate. Però non si sa ancora di che morte debba morire, e chi debba prendere il suo posto.