Teleischia
Senza categoria

La riforma del 2012 delle circoscrizioni giudiziarie

Il decreti legislativi del 7 settembre 2012 nn. 155 e 156 hanno previsto la revisione delle circoscrizioni giudiziarie, in attuazione della delega conferita con il decreto legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito in legge 14 settembre 2011 n. 148.

I decreti prevedono:

la soppressione di 31 sedi di Tribunale;

l’istituzione del nuovo tribunale di Napoli nord nella città di Aversa (in realtà nuova denominazione del tribunale istituito nella città di Giugliano in Campania, ma mai effettivamente operativo);

la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate di tribunale esistenti sul territorio nazionale;

la soppressione di 667 sedi di giudice di pace

La soppressione delle sedi e delle sezioni distaccate di tribunale è divenuta operativa dal 13 settembre 2013.

Contestualmente, è stata autorizzata dal Ministero della Giustizia – per un ulteriore anno, fino al 13 settembre 2014 – la trattazione dei procedimenti civili ordinari e delle controversie in materia di lavoro, di previdenza e assistenza obbligatoria pendenti alla data del 13 settembre 2013 presso otto sedi soppresse di tribunale: sedi con un numero di abitanti superiore a 180.000 e sedi con una sopravvenienza media annuale di 6.874 affari.

Il decreto legislativo n. 156/2012 prevede la facoltà, per gli enti locali interessati, di chiedere il mantenimento degli uffici, anche con accorpamenti, facendosi integralmente carico delle spese di funzionamento e di erogazione del servizio giustizia nelle relative sedi, ivi incluso il fabbisogno di personale amministrativo che sarà messo a disposizione dagli enti medesimi, affermando contestualmente però anche, qualora l’ente non rispetti gli impegni relativi alle spese ed al personale amministrativo per un periodo superiore ad anno, la soppressione dell’ufficio interessato.