Politica

LUCIANO CASTALDI: “PRESTO VEDRETE I RISULTATI!”

Forio. Prima di iniziare a fare un bilancio di questi primi mesi di assessorato nella nuova Giunta Del Deo è obbligo chiedere all’Assessore Luciano Castaldi come si è ambientato in questo nuovo incarico dopo anni di opposizione:

“Intanto di grande sorpresa perché non mi aspettavo di dover ricoprire questo incarico anche perché sono rimasto lontano dal confronto elettorale e ringrazio il Sindaco per la fiducia. Sicuramente l’approccio è stato di grande difficoltà perché un conto è sedere nei banchi della minoranza e svolgere il proprio ruolo con passione e entusiasmo e dall’altra parte invece a provare di risolvere i problemi che abbiamo ereditato e il compito non è certo facile. Voglio comunque ribadire che svolgo il mio compito in maniera disinteressata ed anche senza farmi molto illusioni. Sono del parere che il nostro paese ha bisogno di una svolta e dobbiamo compierla tutti.”

Appena insediati con il Sindaco che non aveva ancora assegnato le deleghe hai creato di tua iniziativa delle mostre e degli eventi culturali regalando ai turisti ma anche ai locali la storia di importanti artisti:

“ Il primo impegno dell’Amministrazione sul piano degli eventi culturali era quello di ricordare in maniera adeguata la grande figura di Giovanni Maltese, scultore e poeta foriano, nel centenario della sua morte, abbiamo creato un mese di mostre e incontri culturali iniziative musicali e abbiamo riscontrato un grande successo non solo tra i turisti ma anche tra i cittadini foriani che hanno bisogno di recuperare un po’ di memoria storica per apprezzare sempre di più e meglio il grande giacimento di cultura di storia di tradizione che vanno proiettato in una chiave futura, Per questo devo ringraziare il Sindaco che da subito mi ha dato la possibilità di lavorare in un campo che mi ha sempre appassionato. Naturalmente siamo dovuti scontrarci con delle difficoltà dovute alla mancanza di fondi altrimenti avremo potuto fare molto di più, comunque siamo soddisfatti perché con il ricordo di Maltese abbiamo voluto invertire per dare un’idea di come intendiamo fare cultura.

Da questa iniziativa siamo partiti per creare l’Officina della Memoria una struttura che vuole rilanciare l’identità del nostro paese e far riappropriare i cittadini del proprio territorio.”

Con l’assegnazione delle deleghe la tua più importante è il personale, una rogna?:

“Certo molte difficoltà perché la macchina amministrativa ha bisogno di essere adeguata ad una esigenza di una società sempre più complessa e pronta a dare delle risposte sempre più veloci e poi è importante lavorare con serenità e unitamente con i dipendenti comunali che sono i protagonisti e forse sono abituati a vecchie logiche e dobbiamo riportarli ai tempi di una società moderna. Sono convinto che riusciremo anche perché i dipendenti sono una risorsa e spesso non vengono apprezzati adeguatamente, ci sono intelligenze che gli altri comuni non hanno,”

Polemiche ha creato l’altra delega quella del Culto, sei rimasto infastidito?:

“ Assolutamente no sono polemiche sterili e strumentali, fanno parte del gioco. Non è vero che è la prima volta che si assegna questa delega ed anzi ci sono comuni addirittura amministrati dai laici e di sinistra anche estrema hanno assegnato questa delega. Sono sereno e tranquillo e pronto ad esercitare questo incarico confrontandomi con chiunque e credo che sono occasioni di dialogo e di crescita per tutti.”

Visto che sei stato il primo a chiedere l’intitolazione di una strada per la toponomastica c’è una programmazione da parte dell’Amministrazione?:

“ La toponomastica se ne occupa il consigliere Regine anche se mi sono permesso appunto di suggerire qualche nome di illustre personaggio come Giovanni Verde e Luigi Polito che quest’anno ricorre il centenario della morte e il 16 dicembre lo ricorderemo con un evento importante.

Sono contento che comunque il Sindaco ha colto questa volontà di riscoprire la memoria di vari personaggi illustri di Forio.”

Ma c’è accordo tra i vari consiglieri di questa nuova amministrazione perché in paese spesso girano voci di malcontenti tra i vari componenti della maggioranza e anche i cittadini non sono tanto soddisfatti di questo inizio della Giunta De Deo:

“Per quanto riguarda i dissidi è fisiologico che c’è confronto e una dialettica per posizione diverse. Per la mancanza di opere è vero che non è stato fatto molto ma c’era, come detto la stagione estiva da affrontare. Mi auguro che nel periodo invernale si possa mettere mano ai quei progetti per far decollare il paese e programmare strategie di rilancio del territorio che passano per la tutela dell’Ambiente, il recupero del centro storico, delineare e definire bene le giuste politiche dell’ecologia e quindi della nettezza urbana sono tutti problemi che diciamoci la verità abbiamo solo sfiorato.”

Le promesse elettorale però prevedevano molte cose, intanto si stanno perdendo i fondi per il depuratore la cui costruzione è importantissima per un paese turistico come Forio, il trasloco del Municipio dal Green Flash, il Porto è fermo, la zona per il stoccaggio dei rifiuti ecc.:

“Su queste grandi questioni dobbiamo essere sereni perché se il Sindaco si è tenuto queste deleghe importanti vuol dire che tiene a cuore queste tematiche e tutti noi dobbiamo collaborare per risolverli. Dobbiamo però anche sottolineare che abbiamo ereditato una situazione disastrosa ancora di più di quello che pensassi.”

In conclusione sei ottimista che questa amministrazione continui nonostante l’insofferenza di alcuni consiglieri comunali anche se tu dici che è pura dialettica?:

“Il problema non è che questa Amministrazione duri ma se riuscirà a portare a termine tutto ciò che si era prefissato. Ben vengano i mal di pancia se ciò vuol dire dare spinta a fare le cose ed io sono ottimista.”

di Vincenzo Savarese

Have your say