Cronaca

TAGLIO TRIBUNALI: PICA, GOVERNO NON IGNORI I TERRITORI

”In seguito al forte segnale da parte dei territori e la vasta adesione delle amministrazioni regionali al referendum abrogativo
del provvedimento del Governo ‘chiudi Tribunali’ ritengo, anche a nome del mio Gruppo, decisamente importante che le regioni debbano ora portare la questione della riforma della geografia giudiziaria in sede di Conferenza Stato-Regioni”. Così si legge in una lettera che il consigliere regionale, Donato Pica, ha inviato al presidente della giunta regionale Stefano Caldoro, dopo l’ok della Corte di Cassazione al referendum abrogativo. “Non può – continua Pica – il Governo ignorare la rivolta delle Amministrazioni Regionali contro una pessima riforma, che peraltro, non è stata mai condivisa nemmeno dal Parlamento. Le Regioni benché non abbiano una competenza in materia di giustizia, non possono essere estranee alla dislocazione territoriale dei presidi giudiziari, in quanto hanno l’interesse che su tutto il territorio sia rispettato il principio della giustizia di prossimità. Tra l’altro, una revisione della riforma ed una conseguente migliore dislocazione del servizio giustizia potrebbero evitare la dispendiosa consultazione popolare”. Secondo Pica ”chiedere l’eliminazione di un provvedimento come quello che prevede la chiusura delle sedi minori dei Tribunali su tutto il territorio nazionale è una questione di buon senso, perché stiamo parlando di una legge che non ha alcun beneficio in termini di risparmio di risorse economiche ma invece presenta aspetti di pesante criticità a carico come sempre dei cittadini. Caro Presidente – si legge ancora nella nota di Pica – le chiedo di portare in evidenza alla Conferenza Stato-Regioni questa iniziativa perché si attivi con il Governo per avviare delle soluzioni che scongiurino definitivamente, prima ancora di arrivare al Referendum, la chiusura delle sedi dei Tribunali minori”. (ANSA).

 

Have your say