Cronaca

SOSTA AUTO A PAGAMENTO, SI TORNA A PAGARE

Il comune di Ischia verso una rimodulazione generale delle aree di sosta a pagamento e del sistema di gestione degli accessi alle ztl;
in attesa del piano definitivo il comandante della polizia municipale di Ischia ha adottato un provvedimento a carattere temporaneo per gestire le aree di sosta a pagamento sul territorio.
L’ordinanza varata in questi giorni prevede per prima cosa l’immediato ripristino delle quattro zone di divisone del territorio del comune dove ricadono le aree di sosta a pagamento;
il secondo punto dell’ordinanza riguarda le tariffe: viene ripristinata la tariffa di 1,50 all’ora per la sosta dei veicoli non residente in Ischia e di 50centesimi di euro per i veicoli dei residenti che espongono l’apposito contrassegno rilasciato dal comando di polizia locale;
il terzo punto invece riguarda le tariffe mensili: i veicoli appartenenti a lavoratori di attività presenti nel territorio dell’ente pagheranno 15 euro al mese, mentre è di 7 euro al mese la tariffa per i veicoli appartenenti ai residenti delle singole zone che espongono l’apposito contrassegno rilasciato dal comando di polizia locale.
Ancora l’ordinanza prevede che i titolari dei contrassegni già rilasciati dalla polizia locale al fine del loro rinnovo dovranno esibire in visione la carta di circolazione del veicolo, al momento della richiesta di un nuovo abbonamento.
Il sesto punto dell’ordinanza riguarda le modalità per i lavoratori di ottenere un contrassegno per le aree di sosta del territorio comunale: per ottenere il contrassegno è necessario quindi esibire una specifica attestazione rilasciata dal datore di lavoro, accompagnata da copia del documento di identità del datore di lavoro; se invece si è titolari delle attività si presenta l’autocertificazione accompagnata dal documento di identità.
L’ordinanza spiega poi come ottenere il contrassegno per i residenti che intendano acquistare un abbonamento: bisogna presentare la richiesta con allegate le copie del documento di identità e della carta di circolazione; la zona in cui poter parcheggiare verrà assegnata in base a questi dati.
L’ultimo punto dell’ordinanza informa che sono abolite le altre forme di abbonamento previste da ordinanze successive alla delibera commissariale numero 72 del 30 novembre 2006, mentre rimangono vigenti tutti gli stalli in di sosta.

 

Have your say