Attualità

FESTA DI S.ANNA. ISCHIA PONTE SI ILLUMINA COI MERLETTI ARTIGIANALI DELLE DONNE ISOLANE

Da stasera alle 21.15 il percorso di installazioni luminose di Davide Scognamiglio nella lunga vigilia della Festa a mare prevista per venerdì 26

Da Anna a Nunzia, da Raffaella a Clelia, da Maria a Concetta, da Lella a Maria Luisa: i merletti lavorati a mano con appassionata dedizione dagli isolani ispirano l’illuminazione serale del borgo di Ischia Ponte nella lunga vigilia dell’87esima edizione della Festa a mare agli scogli di Sant’Anna, prevista per venerdì 26 luglio.
Sarà inaugurato stasera, alle 21.15, il disegno luci di Davide Scognamiglio, che impreziosirà – attraverso suggestive installazioni luminose disseminate nel centro storico – le serate di avvicinamento all’evento.
“Ho pensato che fosse opportuno lavorare sull’identità, trasferendo nel mio disegno luci l’intimità degli abitanti di Ischia Ponte attraverso uno degli antichi simboli rituali più efficaci, i merletti lavorati a mano dalle donne dell’isola. – spiega Davide Scognamiglio, classe 1982 – Posizionati in quindici angoli del borgo, intelaiati e posizionati davanti ai fari, i merletti regalano ombre e suggestioni sui magnifici palazzi di Ischia Ponte, restituendo il fascino senza tempo della tradizione, che è certamente una delle cifre essenziali della Festa a mare agli scogli di Sant’Anna”. Il percorso di installazioni luminose (qui raccontato dalle foto di Carmela Martusciello e realizzato con la collaborazione tecnica di Sebastiano Cautiero e Francesco Rando) sarà apprezzabile dal 21 al 26 luglio.
Già autore di importanti collaborazioni con il Napoli Teatro Festival, con Daniele Ciprì, con il Teatro dell’opera di Roma e il Teatro dell’opera di Monaco, Scognamiglio – fondatore nel 2009 con la regista teatrale Adriana Follieri dell’associazione di promozione sociale Manovalanza – curerà anche il disegno luci della serata della Festa, quando la baia di Cartaromana ospiterà la sfilata delle cinque barche allegoriche, raccontate dalla voce narrante dell’attore Giancarlo Giannini, a cui faranno seguito il tradizionale spettacolo di fuochi piromusicali e l’incendio del Castello aragonese.
“L’idea di raccontare anche attraverso la luce la tradizione e l’identità del nostro territorio ci ha da subito entusiasmato”, spiega il direttore della Festa, Pietro Di Meglio.

Have your say