Attualità

TERREMOTO, DOPO L’ACCOGLIENZA, LO SFRATTO. LA MAMMA: “MIA FIGLIA NON PROTESTA, MA IO NON POSSO TACERE”

Sulle colonne del quotidiano Il Mattino di ieri, 15 maggio2019, è stata la signora Caterina Ferrigno a lanciare l’allarme per tutelare sua figlia, Valentina Ciotola, rimasta sfollata dopo il terremoto del 21 agosto 2017 a Casamicciola. Dopo che i soccorritori estrassero dalle macerie Valentina Ciotola e uno dei suoi figli, fu la Caritas Diocesana ad occuparsi di loro, provvedendo in poco tempo a sistemare l’intera famiglia presso alcuni ambienti della canonica di Fontana. A scatenare la protesta della signora Ferrigno, la richiesta da parte della curia di riavere indietro l’appartamento.

«Mia figlia non protesta, ma io come mamma non posso tacere contro questa che mi sembra una forzatura da parte del vescovo di Ischia, che offusca l’iniziale opera di bene» ha dichiarato la signora al Mattino. «La mia pena – conclude Caterina Ferrigno – è che adesso i nostri familiari non hanno dove andarsene».

Have your say