Attualità

ISCHIA. GENNARO SAVIO (PCIML): “IN VIA PONTANO, ELIMINARE LE BARRIERE ARCHITETTONICHE”

Le barriere architettoniche, rappresentate da una lunga e grande rampa di scale, in via pontano alla mandra ad ischia, oggetto di rivendicazione da parte del Pciml:

Nell’agosto del 2018   demmo voce alla signora Anna Molino che da sei anni a questa parte denunciava il mancato abbattimento delle barriere architettoniche sulle rampe di Sant’Antonio, dove la presenza di due grossi gradoni umilia e calpesta il diritto alla mobilità di invalidi e diversamente abili. – sottolinea infatti gennaro savio – La signora Anna che è costretta a muoversi con l’ausilio di un girello per seri problemi di deambulazione, nonostante raccomandate postali e richieste inviate via pec, in sei anni non era stata mai presa in considerazione dagli amministratori comunali che in questo lungo lasso di tempo non si erano neppure degnati di risponderla: che vergogna! Ebbene, a seguito dei nostri video denuncia,  ci giunse ufficiosamente notizia che finalmente ci si sarebbe adoperati per realizzare lo scivolo e un passamano lungo la discesa che dal parcheggio di via Mirabella porta su via Pontano. Addirittura sembrerebbe che in tal senso sia stato anche approvato e finanziato un progetto ma a tutt’ora, purtroppo, quella barriera della vergogna non è stata ancora abbattuta. Cosa si aspetta a farlo? La signora Anna e tutti gli invalidi residenti e turisti del nostro Comune, quanto tempo devono attendere ancora per vedere realizzato questo benedetto scivolo? Domande, queste, che giriamo direttamente al Sindaco Enzo Ferrandino e ai componenti della sua amministrazione comunale. Intanto il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, guidato dal Segretario generale Domenico Savio, continuerà a battersi per l’abbattimento della barriera architettonica alle rampe di Sant’Antonio e di tutte quelle presenti sul territorio comunale perché è giunto il momento di smetterla di continuare a calpestare così spudoratamente il diritto alla mobilità dei diversamente abili.

Have your say