Attualità

PASSIONISTI IN LUTTO, PER LA SCOMPARSA DI PADRE MARCO CAPRIO. FU SUPERIORE NEL CONVENTO DI CASAMICCIOLA

All’età di 89 anni circa è morto ieri mattina, venerdì 11 gennaio 2019, verso le ore 7.00, nel Convento Passionista di Forino (Avellino) padre Marco Caprio, sacerdote passionista, per diversi anni superiore del convento dei padri passionisti di Casamicciola.

Così lo ricorda padre Antonio Rungi:

Padre Marco del Preziosissimo Sangue era nato a Teora (Av) il 31 luglio 1930, nella Diocesi di Conza della Campania, era stato battezzato con il nome di Gerardo, in ricordo del grande santo redentorista San Gerardo Majella di cui era particolarmente devoto.

Tra i passionisti entrò prestissimo a Calvi Risorta e successivamente svolse l’anno di noviziato a Falvaterra (Fr), dove professò i consigli evangelici il 29 giugno 1950. Proseguì gli studi filosofici e teologici tra i Conventi della Ciociaria e Roma, dove il 31 maggio venne ordinato sacerdote.
Subito impegnato nel campo della formazione degli alunni della scuola apostolica di Calvi Risorta, fu docente di discipline umanistiche, al ginnasio, in questo luogo di formazione delle nuove generazioni dei passionisti della Provincia Religiosa dell’Addolorata, comprendente il Basso Lazio e la Campania.
Contemporaneamente svolgeva il suo ministero festivo e domenicale presso la Parrocchia di Sant’Erasmo ai Granili a Napoli.
Sempre negli anni giovanili del suo sacerdozio fu nominato direttore dello Studentato Teologico di Napoli.
Significativa è stata la sua presenza nella comunità passionista di Mondragone, dove svolse l’ufficio di Direttore del Convinto San Giuseppe Artigiano, curando i bambini e i ragazzi in disagio sociale o orfani dei genitori.
Dopo il lungo periodo impegnato nel campo formativo fu chiamato a svolgere l’ufficio di Superiore o vicario tra cui Comunità passionista di Airola (Bn), di Casamicciola, dove ha svolto anche altri compi, ed infine nella comunità di Forino. In questa ultima casa religiosa ha trascorso gli ultimi 15 anni della sua vita, impegnato in vari ministeri locali.

Carattere gioviale, allegro, di grande compagnia, orgoglioso della sua origine irpina, ma soprattutto della sua appartenenza alla Congregazione dei Passionisti per quanti lo hanno conosciuto ed apprezzato resta la riconoscenza profonda per quello che ha lasciato, come persona umana, di grande cultura e di affabilità e socievolezza.

La comunità passionista di Forino, la Regione Passionista dell’Addolorata e la Provincia Religiosa di Maria Presentata al Tempio, annunciano la dipartita del confratello e la famiglia Caprio del loro parente. La camera ardente è stata allestita presso la Chiesa del Convento passionista di Forino, dove si svolgerà la veglia funebre questa sera e questa notte. Domani mattina, sempre nella Chiesa dei Passionisti, si svolgerà la liturgia delle ore e la chiusura della bara.
I funerali sono previsti per oggi, sabato, 12 gennaio 2019, alle ore 14,30, quando il feretro partirà dal Convento passionista di Forino per giungere alla Chiesa parrocchiale di Santo Stefano, dove alle re 15.00 è in programma la concelebrazione eucaristica. Subito dopo le esequie, le spoglie mortali di padre Marco Caprio proseguiranno per cimitero di Teora, dove verranno tumulate vicino ai suoi genitori, Rafaele Caprio e Albina Forcella. Il mio personale ricordo in due momenti importanti della mia vita: quando fui ordinato sacerdote e celebrai la prima messa ad Airola il 12 ottobre 1975, quando era superiore di Airola e concelebrò con me. Il secondo momento quando mi chiese di essere trasferito a Forino, vicino il suo paese d’origine, quando io ero Superiore provinciale, nel 2003. Aveva concluso la sua esperienza apostolica a Casamicciola, nel nostro Ritiro di San Gabriele dell’Addolorata, dove viveva da diversi anni, e voleva avvicinarsi ai suoi cari. Il convento più vicino era proprio Forino e lo nominai superiore di questa casa, dove ha vissuto fino alla morte avvenuta questa mattina all’improvviso, mentre faceva colazione. Riposi in pace.2:

1 comment

  1. Solidarietà.

    Rispondi

Have your say