News

PROCIDA. MENICO SCALA: “DALLA PROSSIMA SETTIMANA RIPARTE LA MENSA SCOLASTICA”

Procida. Sull’avvio del servizio comunale di mensa scolastica e sull’installazione della pista di ghiaccio per le festività natalizie, interviene il consigliere di opposizione Menico Scala:

Abbiamo appreso da un “annuncio” del Comune di Procida che dalla prossima settimana inizia per l’anno scolastico 2018/2019 (non può riprendere una cosa che mai è partita) il servizio comunale di mensa scolastica. Finalmente! Ma, perché c’è sempre qualche cosa che i nostri amministratori ci propinano, venendo meno una serie di servizi previsti dal capitolato, il prezzo dei ticket pagato dalle famiglie con un aumento considerevole del costo a carico ( 7 euro e 50 cent). In effetti nel capitolato è prevista la consumazione del pasto in piatti di ceramica invece i bambini dovranno mangeranno nel lunch box portato da casa il che significa, per la ditta, una risparmio non irrilevante (fornitura e pulizia dei piatti, sistemazione, etc). E sembra che la ditta vincitrice dell’appalto abbia speso circa migliaia di euro per attrezzare la cucina, ma forse si sono dimenticati qualcosa. Oltre al deficit del servizio è insistente la voce secondo la quale potrebbe non essere assicurano il servizio per l’intero periodo scolastico (fine maggio) quindi molti genitori stanno decidendo se comprare o meno il blocchetto.

Ma non finisce qui. Infatti, forse per risollevare le sorti del precario consenso elettorale, l’amministrazione si appresta a far installare, per le imminenti festività, la pista del ghiaccio in Piazza Marina Grande. Tra gli oneri a carico del Comune, oltre al mancato incasso del suolo pubblico, il pagamento delle spese relative all’allaccio e fornitura dell’acqua e della gravosa energia elettrica il tutto per un costo complessivo non inferiore ai 15 mila euro. A queste condizioni più che in un costo del biglietto “popolare” da parte del fortunato gestore dell’iniziativa ci aspettiamo che nel contratto da sottoscrivere tra le parti, oltre al rispetto delle normative vigenti in termini di sanità e sicurezza, si concordi un prezzo poco più che “simbolico” per l’entrata in pista.

Delle due l’una: o siamo al Cospetto di un Comune ricco sfondato oppure c’è qualche cosa che non funziona”.

Have your say