Attualità

NU. GUASTO ALLO STIR DI GIUGLIANO, AUTOCOMPATTATORI FERMI IN CODA

La situazione dei rifiuti a Napoli e provincia è ad un passo dal collasso, e la problematica coinvolge anche i comuni delle tre isole del Golfo: dopo gli incendi dei tritovagliatori di Battipaglia, Casalduni e Santa Maria Capua Vetere, gli autocompattatori sono stati dirottati agli impianti Stir di Giugliano e Tufino. Ma questi impianti non sono in grado di accogliere l’intera produzione giornaliera di tutti i comuni, tant’è che l’amministratore della Sapna (la società della città metropolitana addetta allo smaltimento rifiuti) ha lanciato un allarme ai sindaci, affinchè organizzino siti di stoccaggio per evitare ulteriroi accumuli negli impianti.

Intanto, da stamani la situazione è oltremodo peggiorata: visto il sovraccarico di lavoro di queste ore, gli impianti dello stir di giugliano hanno subito un guasto che ha bloccato lo sversamento dei rifiuti. Risultato? Le solite code chilometriche di camion all’esterno della struttura, compresi quelli delle società delle tre isole Ischia, Capri e Procida.

Del resto i dati parlano chiaro. A Giugliano sono depositate 26 mila e 500 tonnellate di immondizia tra frazione umida (20 mila tonnellate), secca (500), e indifferenziato (6000), a Tufino ce ne sono 21mila e 500 (secca 15 mila, umida 500, indifferenziata 6000). In totale in tutti i sette stir campani ci sono 133 mila tonnellate.

1 comment

  1. Un guasto? Va bene chiamiamolo guasto.

    Rispondi

Have your say