Attualità

SISMA. ON. CASO (M5S): ” BUONE NOTIZIE PER L’ISOLA D’ISCHIA. CONTINUIAMO AD IMPEGNARCI PER FAMIGLIE E IMPRESE”

 

CS “Finalmente arrivano buone notizie per l’Isola di Ischia dal “Governo del Cambiamento”, sono passati lunedì 18, tutti gli ordini del giorno a sostegno ed aiuto della popolazione colpita duramente dal terremoto del 21 agosto del 2017” commenta entusiasta Andrea Caso, Portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera, che spiega i contenuti degli ordini del giorno a cui è stato dato il via libera, ieri al Senato.

“Si tratta di misure a sostegno del reddito dei lavoratori, proroga termini notifiche delle cartelle di pagamento, sospensione fatture di acqua, luce, gas, assicurazioni, telefonia, inoltre Il Governo si è impegnato a sospendere le cartelle di Equitalia”.

Erano presenti per il governo Laura Castelli, sottosegretario di Stato per l’economia e le finanze e Vincenzo Santangelo, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri.

“Rivolgo un ringraziamento speciale al Governo nelle persone dei nostri sottosegretari Castelli e Santangelo ed ai miei colleghi del M5S in Commissione Speciale, guidata da Vito Crimi, che hanno seguito per giorni i provvedimenti del decreto sisma, lavorando oltre la mezzanotte di lunedì per portare a casa l’ottimo risultato, sono Andrea Cioffi, Mauro Coltorti, Primo Di Nicola, Stefano Lucidi, Stefano Patuanelli, Gianluca Perilli, Daniele Pesco, Sergio Puglia, Mario Turco”. “Fedeli alle promesse rivolte ai cittadini il nostro impegno prosegue per ridare dignità a famiglie ed imprese” conclude Caso della Commissione Finanze.

La Commissione speciale su atti urgenti del Governo, mercoledì 20 giugno, alle 10, prosegue l’esame del disegno di legge di conversione del decreto-legge 29 maggio 2018, n. 55, recante ulteriori misure urgenti a favore delle popolazioni del Centro-Italia, interessate dagli eventi sismici verificatisi nel 2016 (A.S. 435). Il provvedimento è inserito nel calendario dei lavori dell’Aula a partire da giovedì 21 giugno alle 9: il voto finale in Senato è previsto entro il 29 giugno.

 

 

Have your say