News

ISCHIA. VERSO IL CONSIGLIO DELLA VERITA’, IL SINDACO CON LE ORE CONTATE?

Il prossimo consiglio comunale di Ischia, previsto per i giorni 11 e 12 giugno, è il consiglio della verità. Il D-Day che dirà se il cammino dell’amministrazione Enzo Ferradino andrà avanti o sarà necessario l’arrivo del commissario prefettizio.

Lo scontro tra il sindaco ed il gruppo Vivere Ischia, gruppo riconducibile a Giosy Ferrandino, è frontale. Pasquale Balestrieri, Maurizio De Luise, Carmen Criscuolo, non recedono dalle loro posizioni. Chiedono che il sindaco si pronunci anche sulle partecipate. L’assessorato conferito a Rosanna Ambrosino non basta, non rende giusto equilibrio nell’ambito della “ripartizione” amministrativa ai gruppi di maggioranza. Almeno questo emerge ufficialmente da “Vivere Ischia”; anche se secondo  i bene informati i rapporti si sono  fortemente incrinati anche per alcune accelerazioni personali. Di Pasquale Balestrieri? Di Carmen Criscuolo? probabilmente sì, mentre Maurizio De Luise resta in religioso silenzio. Su questa posizione non si ritrova Massimo Trofa, che conserva una posizione più moderata, e resta l’anello di congiunzione tra gli “aventiniani” ed il primo cittadino.

Il sindaco vedendosi alle strette ha iniziato ad aprirsi anche alla minoranza.  Sta cercando di garantire un’amministrazione più solida per affrontare il “fuoco amico” e le problematiche del territorio del comune capoluogo. La minoranza, ha accettato l’incontro e sta valutando il da farsi. Sembra che, nel frattempo, abbia già sondato il terreno per ottenere le firme necessarie per sfiduciare il sindaco. Ma su questo punto non è stata trovata la piena e necessaria disponibilità. E’ una decisione forte, che sì porterebbe a nuove votazioni, ma che macchierebbe anche i firmatari di una scelta politica molto impopolare che potrebbe diventare un boomerang al momento del voto. E potrebbe mietere vittime eccellenti, con gli stessi consiglieri, autori del golpe, che potrebbero non essere riconfermati.

La partita è aperta, anche se il sindaco è costretto ad una difesa ad oltranza tra le richieste degli ex amici, e dei potenziali nuovi amici. Ma non è da escludere che mentre i grandi manovratori della politica decidano, il sindaco con un colpo di coda firmi le proprie dimissioni. Avrebbe poi 20 giorni per guardarsi intorno, valutare le sensazioni della piazza, pesare i suoi denigratori, e poi… O confermare la sua scelta o recedere dalla stessa garantendosi una maggioranza più solida, se ne sarà capace.

Per conoscere il futuro dell’amministrazione di Ischia non resta che attendere pochi giorni, meno di una settimana. Il consiglio comunale ci dirà se la crisi è stata superata, e come… o se per Enzo Ferrandino ha  prematuramente finito il suo mandato da sindaco.

Have your say