Appuntamenti

FORIO: IL 30 MARZO LA PASSIONE DI CRISTO A CURA DELL’ACTUS TRAGICUS

11049488_892796830766243_4916982737861179477_o 11136254_892826794096580_1377340742459235248_o 12800270_1073891755990082_5067370935089937394_n 12928280_1073906935988564_1405904740590432616_n 18076687_10212566652305217_2547209093074836683_o 18077358_10212550300176424_2402168084554063216_o 18156020_10212570089071134_6459400459821964219_o 18193698_10212567491366193_2914277614163526515_n LocandinaL’associazione culturale “Actus Tragicus” presenta la trentesima edizione de “La passione di Cristo”.

La manifestazione, istituzionalizzata e patrocinata dal Comune di Forio, rappresenta uno degli appuntamenti campani più attesi e seguiti del periodo pasquale, grazie anche ad una suggestiva scenografia naturale, quella del Comune turrito, ed alla partecipazione di numerosissime comparse in abiti d’epoca. Si tratta di un lavoro ampio, importante, complesso ed articolato, che conta l’apporto di quasi duecento competenze e professionalità.

Il Comune di Forio assumerà, dunque, per una sera, l’aspetto dell’antica Gerusalemme di oltre duemila anni fa, dove avrà luogo la rappresentazione di alcuni degli episodi più significativi della vita di Gesù, dal suo Battesimo sulle rive del Giordano (in questo caso, la spiaggia del porto) alla Passione, che raggiungerà il momento culmine nella Crocifissione, presso il piazzale del Soccorso. Tante le novità che impreziosiranno questa trentesima edizione: prima su tutte, la regia, che quest’anno porta la firma di Leonardo Bilardi; le nuove registrazioni audio, ispirate, per volontà del regista, a quelle del maestro Gennaro Zivelli, ed a cura dell’attore e doppiatore Domenico D’Agostino; l’interpretazione del ruolo di Gesù, che vedrà il passaggio di testimone da Francesco Castaldi (protagonista assoluto, per oltre vent’anni) a Francesco Mattera; il ruolo della Madonna, che sarà invece ricoperto dall’attrice Milena Cassano; la scelta di un Diavolo androgino. Infine, l’introduzione di una nuova scena: l’Adultera, che, riprendendo le parole del regista, “vuole mostrare uno degli aspetti più grandiosi ed umani del Figlio di Dio: non i suoi miracoli, non la sua potenza, ma la sua misericordia”.

Per scelta stilistica della regia, lo spettatore, durante la rappresentazione, avrà la sensazione di “sfogliare” pagine del Vangelo, che prenderanno poi vita dinanzi ai suoi occhi.

La trentesima edizione de “La passione di Cristo” renderà, inoltre, omaggio ad una storica e preziosa figura di Forio: Maria Scialò, uno degli ultimi “simboli” dell’artigianato locale.

L’appuntamento con “La Passione di Cristo” è fissato per venerdì 30 marzo 2018 alle 20.00, orario in cui si darà il via alla sfilata degli attori e dei figuranti in costumi di scena; al termine della sfilata, avrà inizio la rappresentazione vera e propria. Il percorso si articolerà nel centro storico di Forio, partendo dalla spiaggia del piazzale A.N.M.I. (zona porto) fino a concludersi, come detto, sul piazzale Giovanni Paolo II (già piazzale del Soccorso), per le scene della Crocifissione e della Deposizione nel sepolcro.

 

Have your say