Video

<>

C’è delusione in casa Puteolana dopo la brutta sconfitta di Procida. La nuova gestione tecnica con l’avvento della coppia D’Alessio-Nunziata era iniziata con un buon pareggio rimediato contro il Portici ma i flegrei hanno invece mal digerito la dura sconfitta rimediata allo “Spinetti”. La società granata ha infatti indetto un silenzio stampa dopo la delusione rimediata sull’Isola di Graziella. Troppo grande l’amarezza quindi per una squadra, la Puteolana, relegata in piena zona playout ed in piena caduta libera con tre sconfitte rimediate in quattro gare. Ben altro umore, invece, c’è sull’altro versante, quello biancorosso. Cibelli è entusiasta della prova offerta dai suoi nel primo tempo e si complimenta con i suoi ragazzi : “avevo chiesto alla mia squadra tanta determinazione e carattere e tutti coloro che sono scesi in campo hanno risposto al meglio. Eravamo determinati a portare a casa l’intera posta in palio e ci siamo riusciti alla grande. Abbiamo disputato un primo tempo brillante, dove siamo stati anche concreti nel segnare ben tre reti. Nella ripresa abbiamo gestito il punteggio senza concederci rischi particolari.” Soddisfatto Mister Cibelli così come il Presidente Muro che aveva chiesto alla vigilia tanto impegno e molta attenzione nel limitare quegli errori che avevano portato il Procida a perdere punti in gare interne come quelle con Forio e Portici. “Volevo vedere tanta concentrazione – commenta Muro – e con tutta onestà devo complimentarmi con i miei ragazzi. Non dobbiamo caricarci oltremodo dopo questa vittoria perché, con tutto il rispetto, giocavamo oggi contro una squadra che aveva appena nove punti in classifica, quindi alla nostra portata. Spero che da qui parta un’altra scia positiva che ci porti a conquistare altri punti preziosi.” Si torna a sorridere quindi in casa Procida dopo aver cancellato la brutta pagina di Domenica scorsa contro il San Marco Trotti. Biancorossi che si apprestano a vivere con il sorriso la settimana di preparazione alla difficile trasferta di Bacoli.

di MARIO LUBRANO LAVADERA

Have your say