News

PRIMA CATEGORIA: LA RINASCITA ISCHIA TORNA AL SUCCESSO VINCENDO 2-0 COL CARDITO.

La Rinascita Ischia di mister Isidoro Di Meglio torna alla vittoria, seppur non convincendo.
I giallo-blu si impongono 2-0 sul Cardito Calcio grazie ad un autogol di Galdiero al 15′ ed un rigore (con conseguente espulsione di Cerchia) trasformato Mendil allo scadere della prima frazione. Nella ripresa il Cardito accusa il colpo, ma la Rinascita non ne approfitta fallendo anche un rigore con Matarese al 7′.
La squadra isolana ritrova i 3 punti e continua l’inseguimento al Plajanum capolista.

Al “Mazzella” splende il sole e la Rinascita Ischia ritrova il sorriso tornando alla vittoria dopo due pareggi consecutivi contro Marano e Barrese. Una partita non brillante per entrambe le squadre, penalizzate sicuramente dal terreno di gioco deteriorato in maniera evidente. La maggiore qualità degli isolani alla fine ha prevalso su un Cardito apparso sin dalle prime battute molto remissivo che ha concesso a lunghi tratti il pallino del gioco alla squadra di Isidoro Di Meglio.
La Rinascita schiera un classico 4-3-3 che vede il neo-acquisto Miriano Mancusi (ex Real Forio) in campo al posto di Fondicelli sull’out di sinistra. Sull’altra fascia c’è Del Deo ed i due centrali sono Trani A. e Restituto con Tufano tra i pali. Centrocampo a 3 con Migliaccio e Buono a sostegno di Varchetta in qualità di play. In avanti trova un posto da titolare Luigi Trani al fianco di Mendil e Matarese. Il Cardito risponde a specchio con Buonocore in porta. Capasso ed Esposito i due esterni bassi con Cerchia e Brianese perni centrali. Centrocampo con Nuzzo, Esposito ed Onorato. In avanti Laurenza sostenuto da Galdiero e Bassolino.
Il match comincia con la Rinascita subito in possesso ed il primo spunto è proprio in favore degli isolani.
Lancio per Trani L. al 7′ con l’attaccante che deposita in rete quando il sig. Martello aveva già segnalato la posizione di offside dell’esterno. Dopo un primo episodio, la gara fatica a decollare. La squadra di Di Meglio, però, si ritrova in vantaggio al 15′ grazie ad un clamoroso autogol: corner di Matarese, pasticcio tra Buonocore e Galdiero con quest’ultimo ad insaccare nella porta sbagliata il vantaggio isolano. Il Cardito non reagisce, anzi va vicino a subire il 2-0 al 21′ quando Migliaccio spara di poco alto da ottima posizione su suggerimento di Del Deo.
L’unico brivido che corre sulla schiena di Tufano arriva al 37′ quando Bassolino si libera bene in area. L’attaccante calcia in maniera imprecisa senza trovare lo specchio difeso dagli ischitani.
Al 45′ episodio-clou: confusione in area del Cardito con Trani L. che va alla conclusione. Cerchia intercetta la sfera tra petto e braccio con Martello che indica il penalty (restano i dubbi sul presunto tocco di mano) tra le vibranti proteste ospiti. Cerchia si becca prima il giallo, poi viene espulso per le proteste. Da sottolineare un grave episodio col capitano Brianese a buttar giù Trani in maniera plateale. Episodio meritevole del cartellino rosso, ma che è sfuggito al direttore di gara nella confusione.
Sul dischetto si presenta Mendil che trasforma in maniera impeccabile e regala il raddoppio agli isolani prima di rientrare negli spogliatoi per la pausa.
Nella ripresa il Cardito non riesce a riprendere il match, condizionato anche dall’uomo in meno.
Così la Rinascita ha l’occasionissima per ipotecare il successo al 7′: prima Mendil si fa ipnotizzare da Buonocore a tu per tu. Poi successivamente la sfera termina nei piedi di Trani che viene steso in area (anche qui episodio al limite).
Altro calcio di rigore per gli isolani. Sul dischetto Matarese si fa parare il rigore da Buonocore, mentre sulla respinta Mendil fallisce un facile tap-in da pochi passi.
Al 29′ lavora bene la catena di sinistra con un buon cross per Matarese. L’attaccante va alla conclusione al volo, ma non riesce ad imprimere la giusta forza alla sfera che diventa facile preda del portiere del cardito.
Nel finale altra occasionissima per il 3-0 al 40′: il neo-entrato Di Meglio si presenta a tu per tu, ma fa partire un tiraccio che finisce altissimo sopra  la traversa. Termina così dunque.
La Rinascita Ischia si impone 2-0 sul Cardito, pur non convincendo molto per i vari errori in fase di impostazione del gioco.
Lo stesso Isidoro Di Meglio a fine gara non si è detto soddisfatto della prova dei suoi ragazzi, ma è sicuramente felice per essere tornato al successo dopo due stop inaspettati.
C’è ancora da lavorare per gli isolani per trovare la giusta quadratura, ma il campionato è ancora lungo e ricco di sorprese.

Rinascita Ischia 2
Cardito Calcio 0

Rinascita Ischia: Tufano, Del Deo, Mancusi (15′ s.t. Fondicelli), Trani A., Restituto, Varchetta, Buono (36′ s.t. Di Meglio), Migliaccio, Mendil, Matarese (44′ s.t. Ciccarone), Trani L. (38′ s.t. Muscariello)
A disposizione:  Arcamone, Pilato.

Allenatore: Isidoro Di Meglio

Cardito Calcio: Buonocore, Capasso (38′ s.t. Ambrosio), Esposito, Cerchia, Onorato (41′ s.t. Mormile), Brianese, Esposito (12′ s.t. Balzo), Nuzzo, Galdiero (24′ s.t. Nuzzo), Laurenza, Bassolino (36′ s.t. Landolfo).
A disposizione: Chioccarelli, Capasso.

Allenatore: Giuseppe Dello Margio

Reti: 15′ p.t. autorete Galdiero, 47′ s.t. rig. Mendil (Rinascita)

Ammoniti: Buono, Trani L. (Rinascita) Capasso, Onorato, Balzo, Brianese (Cardito)

Espulsi: 46′ p.t. Cerchia (proteste)

Corner: 3-1

Arbitro: Lorenzo Martello

Note: Matarese fallisce un calcio di rigore all’8′ s.t.

Spettatori: 120 circa

Have your say