News

ECCELLENZA. NICOLA CRISANO: ” PER IL GIUGLIANO A BARANO GARA DIFFICILE. GLI ARBITRI? MOMENTO DIFFICILE”

Ieri pomeriggio si è chiuso il 2017 del Giugliano Calcio, i tigrotti hanno sfidato il Barano allo stadio “Di Iorio” raccogliendo un pari a reti bianche. Il direttore generale gialloblé Nicola Crisano per fa il punto sul presente ma soprattutto sul futuro della società: “Contro il Barano è stata una partita strana, gli impegni infrasettimanali solitamente sono difficili da inquadrare, le squadre di mister Monti poi come ben sappiamo sono ben organizzate, coprono bene il campo e si difendono con grande ordine. Oggi abbiamo avuto difficoltà a scompaginare i piani dei nostri avversari, a fare il nostro gioco, con tanti calciatori dietro la linea della palla è sempre dura trovare gli spazi per fare gol ma indubbiamente dovevamo fare di più a prescindere da tutto questo. Al momento creiamo tanto ma capitalizziamo poco, rispetto alla gara di Sabato abbiamo fatto un passo indietro dal punto di vista del gioco ma non totalmente per demeriti nostri, bisogna dire anche che il Barano si è difeso molto bene limitandoci in zona gol”.

Poco avvezzo alle polemiche arbitrali, il diggì Crisano sottolinea però una serie di situazioni che di recente hanno penalizzato il Giugliano: “Ultimamente, e credo sia doveroso far presente tutto ciò, dal punto di vista arbitrale qualcosa non torna. Difficile che io parli di questi aspetti però si stanno verificando in maniera costante episodi abbastanza gravi, ad esempio oggi due rigori nettissimi non visti ed addirittura in una delle due situazioni è stato anche ammonito un nostro calciatore, un atterramento in area ed un fallo di mano nella ripresa. A breve ne parlerò anche col Presidente Sestile per capire un attimo se c’è qualcosa di strano che ci sfugge, non è possibile che in situazioni palesi si commettano errori tanto gravi che al momento ci penalizzano non poco, accadono ogni fine settimana ultimamente e bisogna mettere un freno a tutto questo“.

Tante novità in corso d’opera per il Giugliano Calcio, in queste festività c’è la chiara volontà di trovare l’amalgama giusta sotto tutti i punti di vista, dalla squadra alla società: “Veniamo da due pareggi, uno sabato scorso ed uno oggi dove non abbiamo subito quasi mai gli avversari, dobbiamo iniziare a produrre qualcosa in più dal punto di vista offensivo e strutturarci sempre meglio. Nuovi acquisti? Purtroppo siamo partiti con enorme ritardo e l’assenza di vittorie non ci aiuta, col cambio di allenatore e soprattutto cambiando diversi membri della rosa stiamo cercando di trovare una quadra, adesso pur consapevoli che da Gennaio ripartiamo con un gruppo totalmente rinnovato bisogna iniziare a vincere con una certa frequenza. Non dobbiamo trovare più scuse, lavoreremo anche durante le festività per mettere un pò di benzina nelle gambe e ricominciare il 2018 con una vittoria, se così non fosse è inutile nasconderlo che saranno fatte considerazioni importanti, è una legge del calcio”.

Anche nei dilettanti bisogna essere professionisti: “Se vogliamo guardare soltanto ai risultati ok, ma è un ragionamento parziale e da dilettanti, bisogna ragionare sul lavoro che si va a fare a 360° poi è chiaro che, come società importante con un Presidente importante come Sestile, i risultati rivestano un ruolo essenziale. Assieme al Presidente valuteremo se si dovrà virare in altre direzioni nel caso in cui i risultati non dovessero arrivare con continuità, adesso la squadra deve trovare un filotto di vittorie per poter poi lavorare con maggiore serenità“.

Nel 2018, andando ad analizzare i numeri, il Giugliano Calcio dovrà in primis ritrovare i gol dei propri attaccanti: “Oltre a Tarallo e Grezio, abbiamo anche gente come Bacio Terracino, Damiano e Pianese, un signor attacco che sta lavorando per trovare la giusta amalgama anche se al momento siamo carenti dal punto di vista realizzativo. Difesa? E’ un reparto di Serie D, gente come Navarra, Castaldo, Scognamiglio, con alcuni under di prospettiva che ci permettono di subire poco ma il problema è che non facciamo gol con una certa continuità”.

Presupposti diversi ma la società punta ad uscirne col silenzio ed il duro lavoro: “Quindici giorni fa pensavamo di fare due vittorie su due ed invece sono arrivati due pareggi, nonostante la presenza di attaccanti importanti fatichiamo a far gol ma non vogliamo fasciarci la testa, è un momento particolare ma dobbiamo restare uniti. Una società seria e consapevole di ciò che vuole, alla lunga trova i risultati positivi che cerca, al momento non me la sento di caricare troppo il gruppo anzi credo che la società debba restare vicino ai ragazzi per aiutarli a venir fuori da questa situazione, in campo vedo calciatori che si impegnano e danno tutto per cui sono fiducioso sul futuro

DA IAMCALCIO.IT

Have your say