Attualità

PROCIDA. MENICO SCALA: LA STORIA DEI PULLMINI, UNA SCENEGGIATA NAPOLETANA

Ritorniamo sulla questioni pulmini per comunicare quello che l’amministrazione della condivisione,
del bene comune della trasparenza, etc. etc. non dice ai cittadini. Iniziamo dal pulmino messo a
disposizione da una associazione della vicina isola d’Ischia, per un mese così dice l’atto
deliberativo della giunta comunale, al prezzo “sociale” di pochi euro al giorno, costo che ci sembra
molto più che “gratis”. Il problema, però, è che questo pulmino è da una settimana parcheggiato
nell’area del Comune senza aver effettuato neanche un chilometro. In compenso, mentre i fruitori
restano nelle medesime condizioni di qualche settimana fa, ovvero senza servizio trasporto per la
scuola, l’importante è che abbiamo postato la foto su facebook, fatto in modo da innescare una
scaricata di improperi nei confronti del sottoscritto e ricevuto qualche like: la sceneggiata è
perfettamente riuscita ma il problema resta irrisolto.
Passando, invece, ai due pulmini elettrici in dotazione al Comune, ottenuti negli anni passati a
fronte di finanziamenti pubblici sulla mobilità sostenibile per un controvalore di circa 300.000 euro
( ci si possa domandare se si possano vendere), che tanto sono serviti all’attuale amministrazione
che, almeno nei primi mesi, li ha utilizzati come le navi di Mussolini per fare di tutto ed anche di
più senza mai pensare che andavano manutenzionati, secondo la perizia di stima allegata è possibile
venderli all’attuale richiedente (non si comprende come sia stato scelto) per circa 5.000 euro
ognuno , quindi, complessivamente per 10.000,00 euro (ed anche qui ci sembra molto più che
“gratis”).

Have your say