Attualità

ISCHIA: INTERROGAZIONE DEI CONSIGLIERI COMUNALI DI OPPOSIZIONE SUL DESTINO DELLA SIR

I consiglieri comunali ischitani di opposizione, tra cui Giustina Mattera, hanno indirizzato un’interrogazione al Sindaco e al presidente del Consiglio Comunale di Ischia:

“Le scellerate decisioni di spendig review adottate dall’ Asl Napoli2 Nord pesano sempre più come schiaccianti macigni sui malati di Ischia e, nel caso specifico dei pazienti psichiatrici, stanno portando via uno dei pochi luoghi in cui potevano trovare cura, “rifugio”ed affetto.

Dall’incendio di Villa Stefania allo smantellamento della Sir, al trasferimento di alcuni pazienti in strutture sulla terraferma e di altri, considerati improvvisamente dalle perizie dell’Asl con un quadro clinico non grave,  in una Comunità Alloggio sull’isola dove però i servizi garantiti sono ridotti al minimo storico: un triste percorso che ha rappresentato il colpo di grazia per chi già era in condizioni di salute psicofisica poco stabili. A peggiorare ulteriormente la cosa c’è, alla fine del corrente mese, la scadenza dell’appalto per la gestione delle Case famiglia e del centro diurno, in totale mancanze di direttive da Frattamaggiore che non ha in alcun modo espresso come intende procedere. Se non verrà  concessa neppure una proroga all’attuale contratto di appalto, uno ed irrimediabile sarà il destino della Salute Mentale di Ischia: gli operatori perderanno il proprio posto di lavoro e gli utenti  potrebbero essere trasferiti nelle strutture psichiatriche della terraferma dove le condizioni di degenza non sono delle più ottimali e dove, molto probabilmente, finirebbero per andare incontro al medesimo destino di  Giuseppe dell’Aquila e Giovan Giuseppe Trani, entrambi deceduti lo scorso anno dopo essere stati trasferiti negli istituti psichiatrici di Pozzuoli in condizioni fisiche che non avrebbero potuto far presagire un epilogo del genere.

Dal periodo del commissariamento del Dr. Iovino nulla è cambiato. Ed ancor più avvilente è che , nonostante l’ammissione dello stato di emergenza da parte del Dir. Generale D’amore, i vertici dell’Asl Napoli 2 Nord non hanno mai saputo dare una risposta risolutiva. Sentenze e promesse che hanno il sapore amaro di danno e beffa.

L’intrigata situazione del mancato  rinnovo ed indizione delle gare di appalto dei servizi psichiatrici è così preoccupante che ha spinto perfino i sindacati ad intervenire. Infatti, le sigle sindacali, CISL, UIL,CGIL hanno inoltrato una nota al direttore  Dr. Antonio D’Amore avente ad oggetto la richiesta di un incontro urgente per discutere proprio dei mancati rinnovi delle gare affidate al privato sociale che vedono impegnati circa 100 operatori tra ospedali e strutture psichiatriche dell’Asl Napoli2 Nord. Mentre, però, i sindacati fanno la loro parte, pare che la voce della politica ischitana si sia affievolita nel tempo fino a scomparire del tutto.

Eppure, riteniamo che sia nostro dovere morale e civile, ancor prima che politico, dare un contributo di forza e potenza alla causa di difesa del diritto alla salute e ad una assistenza sanitaria adeguata per i nostri cittadini. Nessun malato, ovunque, ma particolarmente nella nostra Repubblica, deve sentirsi invisibile o dimenticato. E’ da come una società affronta i problemi di chi è più fragile che si misura la sua civiltà ed anche la sua vera forza. La nostra Costituzione tutela la salute come fondamentale diritto di ogni persona e come interesse dell’intera collettività. Si tratta di un diritto pieno, non comprimibile, che attiene alla dignità e alla libertà di ciascuno.

i consiglieri chiedono di intraprendere ogni utile iniziativa presso la Regione Campania e la Dirigenza dell’Asl per scongiurare il paventato e chiedono al presidente del consiglio comunale di inserire l’argomento nel prossimo consiglio comunale perché il civico consesso attraverso un atto deliberativo prenda posizione richiedendo quanto meno una proroga del contratto. Stante la gravità dell’argomento e l’urgenza dettata dalla imminente scadenza si chiede l’inserimento tra gli argomenti anche senza il rispetto dei termini previsti dal regolamento.

La presente viene trasmessa ai Sindaci dei Comuni dell’isola di Ischia perché adottino ogni opportuna iniziativa atteso che la questione interessa l’intera collettività isolana

 

 

 

gIUSTINA mATTERA

Have your say