Appuntamenti

GUSTA FORIO PROSEGUE CON LA “SAGRA DEGLI ANTICHI SAPORI”

Proseguirà con la “Sagra degli Antichi Sapori” la manifestazione enogastronomica “Gusta Forio”, che sta animando nel corso di queste serate il centro storico del comune all’ombra del Torrione ed in particolar modo Piazza Municipio.

E’ arrivato dunque il momento delle specialità culinarie tipiche della nostra terra, dall’antipasto al dessert, passando per primi e secondi piatti preparati al momento dal numeroso staff di Gusta Forio.
Ad allietare la serata, sarà il gruppo “La Maschera”.
Di seguito, alcuni brevi cenni sugli ospiti della serata: “Si chiamano La Maschera e provengono dalla periferia nord-est di Napoli.  Ma non lasciatevi ingannare dal nome, perché, in verità, non hanno la benché minima intenzione di mascherarsi o di nascondersi.
Tutt’altro! La musica è senz’altro un utile espediente per divertirsi, per aggregarsi, per trascorrere insieme qualche ora, per evadere dal grigio e dalla monotonia periferica, ma, nel loro caso, riesce ad essere molto altro e molto di più…
Sono, infatti, estremamente motivati, tutt’altro che rassegnati, e la loro musica, nelle canzoni più critiche ed impegnate, sembra essere una decisa risposta sociale ai pochi stimoli che ci vengono forniti dall’odierna società e una diretta accusa volta a smascherare, per l’appunto, i troppi vizi e difetti dell’Italia e della Napoli contemporanee.
La loro è la volontà, comune a tanti altri giovani, di ripartenza, di cambiamento, di alternative, e la musica può essere senza dubbio un veicolo, che tiri fuori l’ardore, la passione non ancora sopita, la creatività, tutto quello, insomma, che questa società ignora, trascura, forse, addirittura, teme, come recita Il ballo del potere!
E non vogliono neppure mascherarsi per quanto riguarda la loro proposta musicale… Intendono essere fin da subito immediatamente riconoscibili, grazie ad un sound fresco, sperimentale, lontano dai cliché, che oscilla tra la canzone d’autore, molto originale in quanto ai testi (che valorizzano il cantato in dialetto), la bossa e il blues… e grazie ad una sezione ritmica insolita, che include oltre al basso una piacevolissima tromba.
Insomma, ce la mettono tutta per riuscire a far tornare il sorriso al rassegnato Pulcinella e per far tornare il sereno su questa città…”

Ancora una volta, dunque, appuntamento alle 20:30 in piazza Municipio.

Have your say