Attualità

gIACOMO pASCALE

LACCO AMENO: UN ALTRO CONSIGLIO INFUOCATO SUL BILANCIO

A Lacco Ameno ancora un consiglio comunale sul bilancio, questa volta all’ordine del giorno il previsionale del 2017 e il pluriennale del triennio 2017-2019. E non sono mancate le polemiche. L’opposizione ha, ancora una volta, sottolineato in più riprese il sistematico svilimento del ruolo del consiglio e dei consiglieri comunali messa in atto dalla maggioranza. Una maggioranza che, per i consiglieri di minoranza, non rispetta il regolamento comunale e non mette a disposizione dell’opposizione gli atti. Addirittura, ha denunciato Carmine Monti, “siamo arrivati al paradosso che la relazione del responsabile finanziario, invece di essere messa a disposizione dei consiglieri, è stata spacciata per la dichiarazione di voto del Sindaco”. Ma le contestazioni non si sono fermate agli adempimenti formali. Anche nei contenuti il giudizio dell’opposizione è stato durissimo. Un bilancio di previsione che avrebbe dovuto in qualche modo tracciare la rotta dei prossimi anni di amministrazione, ma che in realtà si è rivelato un contenitore vuoto. Un documento costruito con il copia/incolla di quello approvato a Forio, in alcuni paragrafi senza neanche la premura di sostituire “Forio” con “Lacco Ameno”. Rimangono i dubbi sui temi più importanti, nessuna risposta è stata data, ad esempio, sulla gestione del porto, sui cattivi pagatori, sulla carenza del personale, su come verranno utilizzati gli introiti della tassa di soggiorno, ma nello stesso tempo è stata approvata una spesa di 50.000 euro per le luminarie di Natale 2018 e per la festa di Santa Restituta. “Siamo d’accordo sugli investimenti per promuovere il territorio, ma spendere 50mila euro per le luminarie, quando poi siamo senza giardinieri, ci sembra davvero troppo. Ci dovrebbero essere delle priorità da seguire” ha commentato Carmine Monti. Ma le critiche non sono arrivate solo dai consiglieri di opposizione. Al Consiglio erano presenti anche diversi cittadini che hannocontestato le scelte dell’amministrazione. In un primo momento il Sindaco Pascale ha risposto alle critiche, ma poi ha richiesto l’intervento dei Carabinieri per placare gli animi. Alla fine entrambi i bilanci sono stati approvati. Soddisfatto il Primo cittadino “per l’avanzo di bilancio che ci consente di guardare al futuro con ottimismo”, molto duro Carmine Monti che sottolinea “la totale inadeguatezza di Giacomo Pascale a rivestire il ruolo di Sindaco”.

Have your say