Sport

futsal-ischia

CALCIO A 5: BOTTA E RISPOSTA A DISTANZA TRA FUTSAL ISCHIA E POMIGLIANO

Botta e risposta a distanza, a suon di comunicati, tra Futsal Ischia e Pomigliano: questi ultimi, con una nota a firma dell’addetto stampa, contestano alcune affermazioni contenute nell’articolo redatto dall’addetto stampa ischitano, in relazione all’ultima gara giocata tra le due squadre. Il Pomigliano contesta la seguente frase: “Nel mezzo gomitate, sputi, colpi proibitivi e minacce mai sanzionate”; inoltre ribadisce che “non si è mai “macchiata” dei comportamenti altamente antisportivi descritti”, chiedendo la rettifica delle affermazioni, minacciando altrimenti di agire “in tutte le sedi competenti a tutela dei diritti d’immagine della società”.

Gli fa eco la Futsal Ischia che in un comunicato odierno “non smentisce affatto quanto riportato nel racconto della gara dal proprio Ufficio Stampa”.

Il testo del comunicato della Futsal Ischia:

In risposta al comunicato stampa diramato dal Futsal Pomigliano in data 30 marzo (http://punto5.it/news/30-03-2017/serie-c2/133108/pomigliano-risponde-allischia-scritte-cose-non-vere/), la Futsal Ischia non smentisce affatto quanto riportato nel racconto della gara dal proprio Ufficio Stampa. Il Pomigliano contesta la seguente frase: ” Nel mezzo gomitate, sputi, colpi proibitivi e minacce mai sanzionate”, inserita in questo contesto: “Infatti, sono stati espulsi ingiustamente prima Acatrinei e poi Giuseppe Di Meglio quando si era sul 2 – 1, spezzando di fatto le gambe ad una Futsal come al solito rimaneggiata. Nel mezzo gomitate, sputi, colpi proibitivi e minacce mai sanzionate.  La sconfitta (meritata) con il Pomigliano complica non poco la situazione, ora è davvero difficile riuscire a prendere parte ai play-out, ma la squadra non può e non deve mollare”. La Futsal Ischia, dalla società alla squadra, esprime piena solidarietà al proprio addetto stampa, reo di aver riportato semplicemente ciò che ha visto: la verità. La Futsal Ischia chiarisce altresì che non è mai stata messa in discussione ne’ l’accoglienza ricevuta, ne’ la scorrettezza del pubblico, ne’ tantomeno una grave condotta di TUTTI i tesserati del Pomigliano. Questo non significa, però, che in campo alcuni giocatori non abbiano avuto un comportamento scorrettissimo nei confronti dei nostri giocatori, tant’è vero che durante la gara più volte l’allenatore Aniello Di Iorio ha chiesto spiegazioni al collega avversario. Vogliamo pensare che i dirigenti del Pomigliano semplicemente non se ne siano accorti (così come l’arbitro, magari). Nell’articolo diramato dal nostro ufficio stampa, la frase “Nel mezzo gomitate, sputi, colpi proibitivi e minacce mai sanzionate”(che non smentiamo assolutamente), sta semplicemente a significare che mentre da una parte l’arbitro non ha avuto dubbi nell’estrarre ben due cartellini rossi e nell’allontanare senza motivo il nostro Direttore Generale, lo stesso metro di giudizio non è stato utilizzato nei confronti di alcuni giocatori del Pomigliano nonostante le gomitate, qualche sputo e più di qualche minaccia da parte di un paio di calcettisti (uno su tutti). Da parte della società non c’è nessuna intenzione di voler attaccare l’immagine del Pomigliano, ma crediamo di avere quantomeno il diritto di raccontare per amor del vero ciò che succede in campo, nel bene e nel male, soprattutto quando si subiscono ingiustizie: un giocatore in particolare ha fatto di tutto e non è stato espulso. Cogliamo l’occasione per ricordare che Catalin Acatrinei ha subito ben SETTE giornate di squalifica (dopo essere stato espulso ingiustamente per doppia ammonizione!), per aver toccato casualmente il piede dell’arbitro mentre chiedeva spiegazioni; per non parlare del nostro portiere Gianluigi Schiano, ancora alle prese con problemi ai testicoli dopo l’intervento scomposto e fuori tempo di un avversario a palla ormai già conquistata dal nostro portiere (neanche sanzionato con una punizione). Nonostante tutto ci prendiamo le nostre responsabilità accettando sempre qualsiasi verdetto, dal campo al Giudice Sportivo. Mai ci professeremo candidi e puri, mai diremo che nella nostra storia “non ci siamo macchiati” di qualche episodio negativo. Tutto ciò nonostante non siamo mai stati protagonisti di una rissa e di una partita sospesa nell’intervallo. Chi è senza peccato scagli la prima pietra. In via preventiva la società comunica che non seguiranno ulteriori comunicati stampa sulla vicenda e che se la società del Pomigliano ritenesse di dover ricevere ulteriori spiegazioni potrà farlo contattando i dirigenti indicati. 

Ufficio Stampa Futsal Ischia

Have your say