Attualità

ISCHIA. IL PCIML CHIEDE L’IMMEDIATA RIATTIVAZIONE DELL’IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE NEL CIMITERO DI ISCHIA

Per la vergogna sociale relativa alla mancanza di illuminazione pubblica presso il Cimitero di Ischia che nei giorni scorsi abbiamo sollevato con un dettagliato servizio giornalistico, in queste ore il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, guidato dal segretario generale Domenico Savio, ha presentato un esposto al Sindaco e al Sindaco facente funzioni del Comune di Ischia e ai Responsabili dell’Ufficio Tecnico e di quello deputato alla manutenzione in cui si chiede un intervento immediato e risolutivo. Della questione è stato ufficialmente informato anche il Prefetto di Napoli a cui l’istanza è stata inviata per conoscenza. “Premesso che da qualche anno a questa parte, e dopo decenni – si legge nell’istanza -, si è interrotto il rapporto tra il Comune di Ischia e la ditta incaricata  alla  gestione dell’impianto di illuminazione pubblica presso il Cimitero e sulla vicenda ci sarebbe anche un contenzioso in corso; premesso ancora che da allora la vecchia ditta non è stata ancora sostituita; constato che, per quanto sopra premesso, da circa tre anni a questa parte nel Cimitero di Ischia l’impianto di illuminazione pubblica risulta completamente spento; tenuto conto che con la mancata accensione da circa tre anni dell’impianto di pubblica illuminazione presso il Cimitero di Ischia si umilia la memoria dei nostri defunti; considerato che il Comune sin da subito può gestire in proprio il servizio di illuminazione del Cimitero comunale, chiede alle Autorità in indirizzo, ad ognuna per le proprie competenze, di intervenire immediatamente affinché presso il Cimitero di Ischia venga riattivato, ad horas, l’impianto della pubblica illuminazione e si metta fine alla vergogna dei lumini spenti che si protrae già da anni. Inoltre – scrivono in conclusione i dirigenti del PCIM-L – si chiede che da ora in avanti sia direttamente il Comune a gestire in proprio il suddetto servizio senza darlo in affidamento a ditte private”. Sin qui il testo dell’esposto presentato dal Partito guidato da Domenico Savio  e per il quale si attende la risposta delle Autorità interpellate.

di Gennaro Savio

Have your say