Attualità

eventi-forio3

CANTINE, PRESEPE TEATRALE E BACCALÀ: A FORIO UN VENERDÌ DA NON PERDERE

Note di Natale” celebra enogastronomia e tradizione: dalle 15 le suggestioni di “Quanne nascette Ninno” di Gaetano Maschio ed Edoardo Cocciardo

 Ci sono la tradizione e la fede. Ma anche l’enogastronomia e la cultura contadina dell’isola. Saperi e sapori si intrecciano in un venerdì di assoluto spessore a Forio, inserito nel cartellone di eventi “Note di Natale”, con la regia di Pro Loco Panza e Comune di Forio.
Il 30 dicembre è dunque un giorno da non perdere. A cominciare da “
Cantinando con Babbo Natale”, una visita guidata attraverso i luoghi che testimoniano il millenario rapporto dell’isola d’Ischia con il vino. Nell’anno che celebra il cinquantenario della Doc, Forio propone così, a partire dalle 10, un tour attraverso tre suggestive cantine con degustazione di vini e prodotti tipici nelle cantine tradizionali dell’isola. E siccome l’appetito vien mangiando, dalle 12 ecco il “Baccalando sotto l’albero”, l’appuntamento con il tipico piatto d’importazione nordeuropea: in piazza San Leonardo a Panza, turisti e isolani si lasceranno conquistare dal gusto del baccalà. Ma il piatto forte è senz’altro, a partire dalle 15.30, il Presepe teatrale “Quanno nascette Ninno”, che anima il vicolo del Torrione con la presenza di oltre cento figuranti in abito d’epoca, da un’idea di Gaetano Maschio con la partecipazione di Edoardo Cocciardo. L’evento, che celebra quest’anno la sua terza edizione, coinvolge Accademia dei Ragazzi, Actus Tragicus, Carucce & Quarta Parete, Compagnia Instabile del Torrione, Pro Loco Panza e Vicoli Saraceni. “Lungo la storica via Turrione – spiega il maestro Gaetano Maschio – rappresenteremo teatralmente scene del presepe napoletano, ispirandoci alla Napoli di un tempo e alla sua quotidianità. In questo, ci distingueremo dunque dai classici presepe viventi: intorno al Mistero della nascita di Gesù, si sviluppano dialoghi e testi di impronta teatrale, che non mancheranno di affascinare i nostri ospiti. Le scene vengono riproposte, a intervalli regolari di quindici minuti, fino alle 19. Per la riuscita dell’evento, che si snoda da corso Francesco Regine all’uscita del ristorante “Il Saturnino”, è stato fondamentale il contributo di associazioni, proprietari degli immobili che ospiteranno il nostro Presepe teatrale e dell’associazione culturale Radici, che gestisce il Museo civico del Torrione. Ci auguriamo che ancora una volta – conclude Maschio – l’originalità paghi e che sia veicolato un messaggio di sincera collaborazione, sintetizzato da una grotta composta da rappresentanti di tutte le associazioni”. Il percorso si snoda attraverso più punti narrati: dal censimento alla cantina, dalla piazza al palazzo di Erode, passando per la villa di Lenone, la locanda e, naturalmente, la grotta.

E questi giorni sono anche particolarmente indicati per scoprire il fascino delle millenaria storia dei vicoli foriani: per esplorarli, ecco “A spasso per i vicoli”, in programma a Forio il 29 dicembre, il 1 gennaio alle 15 e a Panza il 3 gennaio. Torri, chiese e stradine del centro storico non avranno segreti.eventi-forioeventi-forio5eventi-forio3
Il tutto, naturalmente, in attesa della Notte Bianca, che animerà giovedì 5 gennaio a Forio dalle 19. Tra gli altri, si esibiranno Gigi Finizio, Valerio Jovine, Mino Abbacuccio di “Made in Sud” e Cristina Balestriere.

Have your say