Attualità

ISCHIA.BERNARDO: “LA RIMODULAZIONE DEL DEBITO DEL CISI LASCIA MOLTI DUBBI E PERPLESSITA'”

 

Il recente accordo di rimodulazione del debito con la Cassa Depositi e Prestiti concluso dal liquidatore del Cisi dott. Ghirelli, che prevede il pagamento immediato i 1 milione di euro e successivi pagamenti semestrali di € 139.603,96 fino al dicembre del 2045 per un importo totale di oltre 9 milioni di euro, lascia molti dubbi e perplessità sulla correttezza della operazione. lo sostiene il consigliere di opposizione di ischia carmine bernardo

Questo enorme debito, creatosi per palesi responsabilità e mala gestio, verrà pagato non da chi ha provocato il danno, ma dai cittadini della intera isolana con le salatissime bollette idriche. Così le responsabilità di chi ha governato politicamente ed amministrativamente l’ente negli ultimi quindici anni saranno accantonate.

Le perplessità derivano dall’esame dei conti che evidentemente non quadrano. Al 31/12/2015 nel consuntivo del Cisi il debito verso la Cassa DDPP era di € 4.389.840,00. Perchè l’accordo di rimodulazione prevede una cifra doppia? 

Il liquidatore per pagare l’importo di 1.000.000,00 fa una variazione di bilancio dichiarando che vi sono fatti nuovi che fanno prevedere una maggiore entrata di oltre 1 milione di euro. Quali sono questi fatti nuovi visto che il Cisi non svolge alcuna attività e gli unici proventi sono il canone di €400.000,00 pagato dall’Evi e la contribuzione dei comuni per € 200.000,00, importi questi già previsti ed impegnati in bilancio?  Quali sono i fatti nuovi che determinano una maggiore entrata di 1 milione di euro. Il fatto, poi, grave è che i revisori dei conti del Cisi (Di Scala, Iovene e Capasso) danno parere favorevole ( sic|)

Ho inviato la allegata interrogazione al sindaco d’Ischia per chiarire questo altro fatto strano della gestione finanziaria degli uomini vicini a Giosi. Come dice qualcuno Giosi dove amministra crea situazioni finanziariamente catastrofiche  che pagheranno i nostri figli. Io credo che con un  mutuo al 2045 possiamo dire che pagheranno non solo i nostri figli ma anche i nostri nipoti. 

Per fortuna le elezioni al Comune di Ischia sono viciine e come nel 2014 il cittadini di Ischia hanno dato un sonoro ceffone al Sindaco Ferrandino, non votandolo per le elezioni europee, nel 2017 daranno il benservito al peggiore sindaco che Ischia abbia mai avuto. La nuova amministrazione che verrà eletta dovrà affrontare e risolvere tutti i guai creati da Giosi ed io mi batterò affinché a pagare non siano i cittadini, bensi chi ha amministrato ed i vari organi di revisione che non hanno fatto il loro dovere di controllo ed hanno sempre detto che tutto va bene

 

Have your say